Visualizzazioni totali

Le lacche ed il loro degrado

Utilizzate in Europa occidentale a partire dal XII secolo circa, le lacche sono state impiegate a lungo, divenendo indispensabili nelle palette di molti artisti. Esse hanno proprietà intermedie tra quelle dei pigmenti e quelle dei coloranti: risultano, infatti, insolubili come i primi, ma caratterizzate dalla stessa trasparenza dei secondi. 
La loro formazione è dovuta al processo di assorbimento o precipitazione di un colorante su un supportante che permette di ottenere una coprenza più o meno accentuata. 
I coloranti utilizzati possono essere di origine animale (come la lacca carminio, derivante dal Coccus cacti, o la lacca indiana, ottenuta dalla Kerria lacca), vegetale (generalmente preparati a partire dal legno, radici o ceneri di piante immersi in acqua o in una soluzione alcalina), o sintetica (come l’alizarina cremisi, usata a partire dalla seconda metà del XIX secolo in sostituzione della lacca di robbia). Essi talvolta venivano anche estratti da stoffe colorate di scarto attraverso l’uso di soluzioni alcaline, così come risulta evidente dalla definizione di lacca fine riportata nel Vocabolario Toscano dell'Arte del Disegno dell’artista seicentesco Filippo Baldinucci (“una sorta di colore per dipingere ad olio, che fa un rosso scuro maraviglioso: cavasi questo artificiosamente dai panni chermisi con allume di rocca, e si conduce a diverse bontà e perfezzioni”). 
Tra i supportanti più utilizzati vi era il gel traslucido di idrossido di alluminio (Al(OH)3), con il quale era possibile ottenere degli “impasti” con consistenza simile a quella dei pigmenti inorganici. Altre ricette riportano, invece, l’uso di sali di bario e carbonato di calcio (ricavato ad esempio da polvere di marmo, gusci d’uovo e ossi di seppia): in questo caso si otteneva una lacca con un potere coprente inferiore. Ancora, le lacche potevano essere prodotte utilizzando inerti di natura minerale come solfato di bario (BaSO4), ossido di Alluminio (Al2O3), silice, creta, terre argillose, gesso e caolino, i quali riescono ad adsorbire meccanicamente i coloranti e sono in grado di conferire un potere coprente maggiore rispetto alle lacche ottenute con idrossido di alluminio, ma comunque inferiore ai pigmenti di natura inorganica. 
Disperse in notevoli quantità di medium, le lacche potevano essere impiegate assieme a pigmenti inorganici o singolarmente per conferire maggiore profondità e trasparenza al film pittorico sottostante. 

Figura 1 - Acido carminico: glucoside antrachinonico
di colore rosso estratto dalla cocciniglia. Credits:
https://it.wikipedia.org/wiki/Acido_carminico

Particolarmente ricca di lacche era la tavolozza del pittore olandese Johannes Vermeer (1632-1675), le cui opere descrivono spesso scene domestiche in cui la vera protagonista è la luce. Gli studiosi hanno messo in evidenza l’utilizzo di lacche rosse e gialle, adoperate dall’artista di Delft per le velature finali o mescolate a pigmenti di natura inorganica.

Figura 2 - Luteolina: flavone estratto da varie specie
vegetali come timo, tarassaco e salvia. Credits:
https://it.wikipedia.org/wiki/Luteolina
Per le loro scarse quantità, la presenza di lacche rosse (come la lacca carminio a base di acido carminico) e gialle (a base di luteolina), generalmente indagabili con analisi come l’HPLC (High Performance Liquid Chromatography), è stata confermata dai ricercatori tramite indagine SEM-EDS (Scanning Electron Microscope – Energy-Dispersive X-ray Spectroscopy) che ha messo in evidenza le componenti inorganiche di questi colori, come il calcio (derivante da supportanti a base di gesso) e piccole quantità di alluminio, zolfo, silice e fosforo. 

Figura 3 - Johannes Vermeer, Donna seduta alla spinetta,
1670-72, olio su tela, 51,5x45,5 cm, Londra, National Gallery.
Credits: https://upload.wikimedia.org/

Figura 4 - Particolare della gonna di Donna seduta alla spinetta, Johannes Vermeer.
Credits: https://www.nationalgallery.org.uk/research

Figura 5 - Spettro EDX che mette in evidenza la presenza di calcio
in corrispondenza della gonna gialla.
Credits: https://www.nationalgallery.org.uk/research


Figura 6 - Particolare dell'Incoronazione della Vergine,
Lorenzo Monaco, 1407-09, tempera su tavola,
220,5x115,2 cm, Londra, National Gallery.
Credits: https://www.nationalgallery.org.uk
La labile natura delle lacche è stata constatata in numerose opere, in cui le tonalità hanno subìto un processo di degrado, cambiando totalmente la percezione del dipinto. L’alterazione di questi colori è principalmente dovuta all’azione della luce, ma dipende in parte anche dal legante e dalla quantità di pigmento utilizzati dall’artista. 
Drastiche variazioni dei colori originari sono visibili nell’Incoronazione della Vergine di Lorenzo Monaco, oggi conservata presso la National Gallery di Londra. Nella pala d’altare del monaco camaldolese, le vesti della Madonna, un tempo color malva, oggi risultano quasi del tutto bianche: il colore originale si è preservato soltanto in corrispondenza delle rosette realizzate con la foglia d’oro, al di sotto delle quali è stato possibile osservare l’impiego di una lacca rossa mescolata a bianco di piombo e all’oltremare naturale (lapislazzuli). Le analisi condotte hanno messo in evidenza l’uso di lacca indiana (ottenuta dalla secrezione resinosa della Kerria lacca) fatta precipitare su allumina idrata, come rilevato dall’analisi EDS, la quale ha confermato l’impiego di alluminio per il substrato. Alcuni studiosi hanno avanzato l’ipotesi secondo cui l’alterazione della lacca indiana, già suscettibile alla luce, possa essere stata accelerata dalla presenza del bianco di piombo. 
Una sorte simile è toccata anche a diverse opere di Vincent Van Gogh, che cercava di scongiurare la precarietà di alcuni pigmenti con pennellate molto corpose, tipiche dei suoi dipinti. Per molti di questi, l’alterazione cromatica, dovuta a cattive condizioni espositive, non risulta subito evidente. È lo stesso pittore olandese a darne testimonianza in alcune sue lettere: i fiori del “Campo di iris e veduta di Arles” (1888), ad esempio, oggi di colore blu, vengono descritti da Van Gogh come viola. La conferma sulla variazione tonale è stata ottenuta dai ricercatori grazie all’identificazione tramite Macro XRF (X-Ray Fluorescence Spectroscopy) di atomi di bromo, caratterizzanti il colorante artificiale rosso noto col nome di eosina. 
Figura 7 - Vincent Van Gogh, Campo di iris e veduta di Arles, 1888,
olio su tela, 54x65 cm, Amsterdam, Van Gogh Museum.
 Credits: https://cen.acs.org/articles/94/i5/Van-Goghs-Fading-Colors-Inspire.html

Figura 8 - Molecola di eosina Y, distinguibile dall'eosina B
per la presenza di quattro atomi di bromo.

Grazie ad un attento studio di questo fenomeno di degrado, lo staff del Van Gogh Museum è riuscito a riottenere tramite un restauro digitale nuovamente le tonalità originarie del dipinto “La camera dell’artista” (1889), ripristinando virtualmente le pareti viola, ormai divenute blu per l’alterazione della lacca carminio, ed il pavimento che ha perso la sua sfumatura rossastra a causa del degrado della lacca a base di eosina. 
Figura 9a - Vincent Van Gogh, La camera dell'artista ad Arles,1888, olio su tela, 72x90 cm, Amsterdam, Van Gogh Museum;
Figura 9b- ricostruzione dei colori originari del dipinto effettuata tramite restauro digitale.
Credits: https://cen.acs.org/articles/94/i5/Van-Goghs-Fading-Colors-Inspire.html


Bibliografia 
• F. Baldinucci, Vocabolario toscano dell’arte del disegno, Firenze, 1681;
• A. Burnstock, The Fading of the Virgin's Robe in Lorenzo Monaco's "Coronation of the Virgin", National Gallery Technical Bulletin Vol. 12, pp 58–65, 1988;
• L. Campanella, A. Casoli, M.P. Colombini, R. Marini Bettolo, M. Matteini, L.M. Migneco, A. Montenero, L. Nodari, C. Piccioli, M. Plossi Zappalà, G. Portalone, U. Russo, M.P. Sammartino, Chimica per l’arte, Bologna, Zanichelli, 2011;
• C. Giannini (a cura di), Dizionario del restauro. Tecniche diagnostica conservazione, Firenze, Nardini Editore, 2010;
• J. Kirby, M. Spring., C. Higgitt, The Technology of Red Lake Pigment Manufacture: Study of the Dyestuff Substrate, National Gallery Technical Bulletin Vol. 26, pp 71–87, 2005;
• M. Matteini, A. Moles, La chimica nel restauro. I materiali dell’arte pittorica, Firenze, Nardini editore, 2010;
• D. Saunders, J. Kirby, Light-induced Colour Changes in Red and Yellow Lake Pigments, National Gallery Technical Bulletin Vol. 15, pp 79–97, 1994; 
• T. T. Schaeffer, Effects of Light on Materials in Collections: Data on Photoflash and Related Sources, Los Angeles, Getty Publications, 2001;

Commenti

Etichette

Archeologia Emanuele Dell'Aglio Metalli Film&Art Silvia Soncin Chimica Conservazione Colore Restauro Analisi Diagnostiche Musei Tecniche non invasive Degrado Diagnostica non invasiva Research for Cultural Heritage Resti Umani Spettroscopia Raman UNESCO News from Diagnostic World Spettroscopia Carta Datazione Elettrochimica Film Imaging Studi di provenienza Archeometria Arte Contemporanea Ceramica Coloranti Corrosione Dipinti Gemme Lapidei Medioevo Pittura Spettrometria di Massa Spettrometro di Massa Van Gogh Vetro Alessadra Virga Audiovisivi Bronzo ENEA Egitto Laser Leonardo da Vinci Machine Learning Materiali Materiali di origine animale Museo NfDW Papiri Picasso Piombo Rame Sincrotrone Voltammetria di Microparticelle arte libro tecnica pittorica tessuti vegetali Adorazione dei Magi Alimenti Antropologia Archeoastronomia Artemisia Gentileschi Biodeterioramento Cervello Cinema Costantino D'Orazio DNA Dagherrotipia Data Science Diagnosta Ercolano Ferro Firenze Galleria degli Uffizi Gialli di cadmio Graphic Novel Inquinamento Atmosferico KHA Legno Leonardo Libri Luce Mass Spectrometry Materiali cartacei Memoria Michelangelo Microscopia Monitoraggio Nanomateriali Ottica Papiri carbonizzati Parchment Pellicole Prodotti innovativi Proteine Restauro digitale Rinascimento Roma SERS Storia del Restauro Strumenti musicali Tecnologie Termoluminescenza Vermeer Vesuvio Vincent Van Gogh ZooMS acceleratori adesivi autori ospiti biologia calce cancro del bronzo colla colorante dipinti ad olio doratura inchiostri isotopi stabili leganti pietre preziose pulitura radiocarbonio raggi-X supporto scrittorio ANEDbc ANOVA ATR Ablation Actinobatteri Adriana Iuliano Affresco Alabastro Alberto Angela Alessandro Guiccioli Ambiente Amedeo Modigliani Analisi degli Isotopi Stabili Analysis of variance Anton Cechov Antonio Ligabue Antonio Stradivari Arazzi Archeologia Giudiziaria Archeologia Invisibile Archeologia subacquea Archeology Archeomafie Architettura Argento Arsenico Arte Povera Arte moderna Arte naif Artista Assorbimento Atacama Attribuzione Autobiografia Avorio Azzurrite Beatrice Luzi Benedetta Vitale Benzotriazolo Bible Bioprodotto Biopulitura Birra Blu Bolzano Book CERN CSGI Caffè Calchi Cammeo Campus Ravenna Cantiere Cappella Scrovegni Caravaggio segreto Casa del Bicentenario Cemento Ceprano Christie's Chrozophora tinctoria Ciclo pittorico Cile Cina Cinquecento Cioccolato Claudia Cricchio Cleaning Codice dei beni culturali Colori Conservazione Preventiva Coppa di Licurgo Coronavirus Crimini contro il Patrimonio Culturale Cromatografia DESY DNA antico Datazione U-Th Datazione al radiocarbonio Declorazione Diamanti Diffrattometria Neutronica Dimorfismo Sessuale Donatello ESRF Edmond de Belamy Elementi in traccia Elio Giordano Emanuele Imbucci Enrico Lo Verso Esposizione Eufronio FT-IR Falsificazione Fenici Final Portrait Fotocatalizzatori Fotoemissione Fotografia Fotoluminescenza Francesca Gherardi Frida Kahlo Fruizione Gaia Piccardi Gaia Servadio George Byron Gesso Ghisa Giacometti Gioacchino Rossini Gioconda Giorgio Diritti Golden Lilium Gallery Goujian Gran Sasso Heinrich Schliemann Howard Carter INFN IRMS Idrogel Nanostrutturato Il viaggio a Reims Illuminazione Imaging XRF Inibitori Biologici Insetti Internet of Things Intervista Io sono fuoco Isabella Otto Italia Ivano Marescotti Johannes Vermeer John Ruskin LAM LIF Laboratorio Laboratorio Arvedi di Diagnostica Non-Invasiva Lacca Lacche Lapislazzuli Laser Scanner Laura Parducci Layer Amplification Method Lazurite Leghe MIUR Macchina di Antikythera Marcatura ottica Margaret Keane Maria Bernadette Melis Marina Abramovic Marmo Matisse Maya Blu Mercurio MiBACT Michelangelo Buonarroti Michelangelo infinito Microclima Microscopia elettronica ESEM Microstruttura Mikhail Bulgakov Modelli tridimensionali Modigliani Modì Monetazione Romana Monna Lisa Mozia Muoni Murex Brandaris Musei Vaticani Musei virtuali Museo Archeologico dell'Alto Adige Museo Egizio Nanocellulosa Nanotecnologie Nasiergel Nastri magnetici Neandertal Nopalgel Northumbria University Notre Dame de Paris Obvious Occhio Opera lirica Opera&Art Opere Policrome Opificio delle Pietre Dure Ossidiane Ossido di Zinco Ottica Non Lineare PIXE Padova Palazzo Guiccioli Palmira Percezione Performance Pergamena Perkin Peste Petrografia Philippe Daverio Physically Based Renderer Piogge acide Pompei Porcellana Porpora Porpora di Tiro Potere Risolutivo Progetto Grande Rilevanza Italia - Messico RGB Rafael Parra Reazioni chimiche Reggia Rendering Repliche Research Riflessione Risoluzione SEM-EDS Sacra Sindone Sali solubili Salvator Mundi Scientia ad Artem3 Seconda Armonica Sheele Sindone Sistina Smaltino Smeraldo Sofia Podestà Solfatazione Spettroscopia FTIR Spettroscopia di Impedenza Elettrochimica Spolvero Sticky-Shed Syndrome Stonehenge Storia dell'arte Storie dell'arte Storie di Sant'Orsola Street art Strontium isotopes Strumenti ad arco TEM TLS Tecnica EVA Teleri Teoria del Restauro Terahertz Terre rare Tessuti fossili The cleaner Titanio Tiziana Pasciuto. Tomografia Computerizzata (CT) Tomografia a Raggi X a Contrasto di Fase Turismo Tutankhamon Università di Bologna Urina VIMP VMP Valentina Risdonne Venaria Reale Venezia Verde Victoria and Albert Museum Vinegar Syndrome Vino Violini Viollet-le-Duc Visione Vittore Carpaccio Volevo nascondermi William Turner Workshop XPS XRF Zooarchaeology Zucchero affreschi algoritmo ambra ametista art bagnabilità cera ciclotrone cinabro cloro code colla animale colla di bue colla forte collanti colorante di sintesi cultural heritage dieta escher foglia d'oro folle storia dell'arte follia formula chimica garavella giallo indiano i colori dell'anima idrogel il gesto dell'arte illusioni ottiche imprimiture liuteria malattia mentale manoscritti medievali marine reservoir effect mauveina minerali mosaico mostra nastri adesivi natura del materiale nerofumo oli siccativi origine animale origine vegetale oro particelle pelle processo fotossidativo proteomica protoni registri mortuari Milano rimozione ritratto rosso significato sintetici solubilità sostanze adesive statistica storia del papiro storico dell'arte tempere tempere polisaccaridiche tempere proteiche tempo di presa tintura tinture triangolo di Teas viola viscosità Ötzi
Mostra di più