Visualizzazioni totali

L’arte soffice degli Arazzi: problematiche di degrado

 


Oggi parleremo degli arazzi, giganti opere d’arte di lusso realizzate fin dai tempi più̀ antichi, eppure così delicate e di difficile conservazione a causa dei materiali che le compongono, ovvero fibre tessili naturali come lana, cotone, seta o lino. 
Il termine "arazzo" deriva dalla città francese di Arras, famosa nel Medioevo proprio per questi splendidi manufatti. La particolarità di questa tecnica sta nel fatto che il disegno viene realizzato mediante tessitura a mano su un telaio dominante di trama, i cui fili passano alternatamente sopra e sotto i fili di ordito, nascondendolo. Ogni passaggio è chiamato plettro e le trame, una volta completate, vengono unite tenacemente insieme da vari strumenti, come punteruoli, canne, stecche, pettini. Questa tecnica si differenzia da altre forme di tessitura in quanto ogni unità del motivo o dello sfondo è tessuta con una trama, o filo del colore richiesto, che viene inserita avanti e indietro solo sulla sezione in cui quel colore appare nel disegno. 
La bellezza di queste opere, inoltre, è rappresentata dalle grandi immagini molto dettagliate realizzate mediante un procedimento artistico artigianale che richiedeva la combinazione dell’estro del pittore con l’abilità del tessitore. I primi arazzi europei, tessuti nel Medioevo, venivano realizzati da tessitori che seguivano fedelmente il cartone dell'artista per il disegno. Nel Rinascimento, invece, gli arazzi sono diventati sempre di più riproduzioni tessute di dipinti già esistenti, tanto che il tessitore non veniva più considerato un collaboratore del pittore, ma bensì il suo imitatore. Nella Francia e nel Belgio medievali, così come adesso, il lavoro di un pittore veniva eseguito sempre in arazzo per mezzo del tessitore. L'arazzo tessuto direttamente dal pittore che ha creato l’immagine originale rimane un'eccezione, quasi esclusiva del lavoro manuale delle donne. 
Non possiamo parlare di arazzi senza parlare della lana, il materiale più utilizzato sia per l'ordito, ovvero la serie parallela di fili che corrono longitudinalmente nel tessuto dell'arazzo, che per la trama, ovvero i fili larghi di riempimento. 
I motivi che portarono alla scelta della lana nella tessitura degli arazzi sono da ricercare nella sua disponibilità, lavorabilità, durata e facilità di tintura, che permetteva di ottenere una vasta gamma di colori. Tuttavia, la lana è stata spesso utilizzata in combinazione con fili di lino, seta e cotone per la trama, più adatti ai dettagli e alla creazione di effetti delicati, rendendo possibile una maggiore varietà di contrasto di colore. 
Negli arazzi europei del XVIII secolo, la seta era molto utilizzata per ottenere sottili effetti tonali, soprattutto nella fabbrica di Beauvais in Francia, così come in Cina e Giappone. Gli arazzi in pura seta furono realizzati anche nel Medioevo dai Bizantini e in alcune parti del Medio Oriente. Il lino veniva, invece, utilizzato dagli antichi Egizi, i copti e gli europei medievali. Cotone e lana sono stati impiegati per gli arazzi peruviani precolombiani e per alcuni arazzi realizzati nel mondo islamico durante il Medioevo. Fin dal XIV secolo, i tessitori europei hanno utilizzato fili di trama d'oro e d'argento insieme a lana e seta per ottenere un effetto sontuoso. Chimicamente parlando, questi materiali presentano delle caratteristiche molto diverse e quindi anche problemi conservativi differenti. 
Le fibre vegetali del cotone, ad esempio, sono lunghe e sottili con forti pareti cellulari, ottenute da semi, steli e foglie. Esse sono composte da quantità variabili di cellulosa, emicellulosa, lignina e pectine. Le fibre di origine animale, come la lana, invece, non sono altro che i peli del mantello degli animali, mentre i filamenti di seta sono il prodotto di vari insetti, in particolare i bruchi. Le componenti strutturali di queste fibre sono rispettivamente le proteine di cheratina e fibroina. Inoltre, le strutture polimeriche delle fibre vegetali ed animali sono costituite da regioni amorfe e cristalline con diversa capacità di assorbire l’umidità e, di conseguenza, diversa resistenza agli attacchi chimici. La seta è considerata una fibra molto cristallina mentre la lana è estremamente amorfa. 
Uno dei maggiori danni che colpiscono le fibre di cellulosa è il deterioramento microbico che provoca diverse alterazioni strutturali, come fessurazioni, fori, solchi e sgretolamenti. Rispetto alle fibre vegetali, le fibre tessili proteiche animali di lana e seta sono meno vulnerabili all’attacco di microrganismi, grazie ad una complessa struttura istologica, a forti legami fra le catene molecolari e alla natura cristallina della loro struttura. Tuttavia, le proteinasi extracellulari (enzimi proteolitici) catalizzano l’idrolisi di cheratina e fibroina liberando gli amminoacidi ed i piccoli peptidi solubili, causando, analogamente alle fibre di cellulosa, la perdita di sostanza della fibra ed un indebolimento della struttura. Inoltre, la lana è vulnerabile alla colonizzazione da parte di funghi e batteri. 
Per quanto riguarda i colori, invece, è necessario che questi siano inalterabili dalla luce e quindi, garantiti nel tempo. Esistono varie tecniche non distruttive per analizzare i coloranti utilizzati negli arazzi, come ad esempio: la spettrofotometria in riflettenza nel visibile, la spettrofotometria a fluorescenza in 3D e la spettrofotometria infrarossa
Tra le analisi micro-distruttive invece si annovera la cromatografia, più̀ efficace per fornire l’identificazione dei coloranti presenti mediante separazione delle sostanze. 
Il degrado dei materiali tessili è molto condizionato dal microclima, dalla qualità dell’aria e dall’illuminazione. Gli arazzi, infatti, soffrono la luce, la tensione causata dal trasporto o dal proprio peso, che può portare allo scivolamento di alcune porzioni con il disallineamento del disegno. Inoltre, gli agenti atmosferici e l'usura danneggiano questi preziosi manufatti provocando l’allentamento sia della trama sia dell’ordito. 
Polvere, pulviscolo, deiezioni di insetti e parassiti compromettono la lucentezza e la leggibilità̀ dell’opera. Un’esposizione sbagliata può provocare danni ai supporti e macchie di ossidazione metallica. Un sistema di illuminazione obsoleto può causare viraggi di colore e un surriscaldamento dei materiali. Altre cause del degrado sono attribuibili anche all’invecchiamento, all’azione da parte di animali e a reazioni secondarie innescate dalla tintura, come l’uso di tannini con mordente a base di ferro, che portano al decadimento molecolare della lana, compromettendo l’integrità dell’intera opera. 

 
Martina

Commenti

Etichette

Archeologia Emanuele Dell'Aglio Film&Art Metalli Silvia Soncin Chimica Conservazione Colore Musei Research for Cultural Heritage Restauro Analisi Diagnostiche News from Diagnostic World Spettroscopia Raman Tecniche non invasive Degrado Diagnostica non invasiva Resti Umani UNESCO Spettroscopia Carta Coloranti Datazione Elettrochimica Film Gemme Imaging Studi di provenienza Van Gogh Archeometria Arte Contemporanea Ceramica Corrosione Dipinti Lapidei Medioevo Pittura Spettrometria di Massa Spettrometro di Massa Vetro arte autori ospiti Alessadra Virga Audiovisivi Bronzo ENEA Egitto Laser Leonardo da Vinci Luce Machine Learning Materiali Materiali di origine animale Museo NfDW Papiri Picasso Piombo Pompei Rame Sincrotrone Tecnologie Voltammetria di Microparticelle calce leganti libro tecnica pittorica tessuti vegetali ATR Adorazione dei Magi Alimenti Antropologia Archeoastronomia Artemisia Gentileschi Biodeterioramento Cervello Cinema Colori Costantino D'Orazio DNA Dagherrotipia Data Science Diagnosta Ercolano FT-IR Ferro Firenze Fotografia Gaia Piccardi Galleria degli Uffizi Gialli di cadmio Graphic Novel Inquinamento Atmosferico KHA Lacche Legno Leonardo Libri Mass Spectrometry Materiali cartacei Memoria Michelangelo Microscopia Modeling 3D Modelli tridimensionali Monitoraggio Musei Vaticani Musei virtuali Museo Egizio Nanomateriali Ottica Papiri carbonizzati Parchment Pellicole Prodotti innovativi Proteine Restauro digitale Rinascimento Roma SERS Storia del Restauro Strumenti musicali Termoluminescenza Vermeer Vesuvio Vincent Van Gogh ZooMS acceleratori adesivi biologia cancro del bronzo colla colorante dipinti ad olio doratura inchiostri isotopi stabili pietre preziose pulitura radiocarbonio raggi-X rosso supporto scrittorio ANEDbc ANOVA Ablation Actinobatteri Adriana Iuliano Affresco Alabastro Alberto Angela Alessandro Guiccioli Ambiente Amedeo Modigliani Analisi 3D Analisi degli Isotopi Stabili Analysis of variance Anton Cechov Antonio Ligabue Antonio Stradivari Arazzi Archaeobotanica Archeologia Giudiziaria Archeologia Invisibile Archeologia subacquea Archeology Archeomafie Architettura Argento Arsenico Arte Povera Arte moderna Arte naif Artista Assorbimento Atacama Attribuzione Autobiografia Avorio Azzurrite Beatrice Luzi Benedetta Vitale Benzotriazolo Bible Bioprodotto Biopulitura Birra Blu Blu Egizio Bolzano Book British museum CERN CSGI Caffè Calchi Cammeo Campus Ravenna Cantiere Cappella Sansevero Cappella Scrovegni Caravaggio segreto Casa del Bicentenario Cemento Ceprano Chiara Lucarelli Christie's Chrozophora tinctoria Ciclo pittorico Cile Cina Cinquecento Cioccolato Claudia Cricchio Claudia Moricca Cleaning Codice dei beni culturali Conservazione Preventiva Coppa di Licurgo Corallo Coronavirus Crimini contro il Patrimonio Culturale Cromatografia DESY DNA antico Danza Datazione U-Th Datazione al radiocarbonio Declorazione Diamanti Diffrattometria Neutronica Dimorfismo Sessuale Donatello ESRF Edmond de Belamy Elementi in traccia Elio Giordano Emanuele Imbucci Enrico Lo Verso Esposizione Eufronio Falsificazione Fata verde Fenici Figure Final Portrait Foro di Augusto Fossilizzazione Fotocatalizzatori Fotoemissione Fotoluminescenza Francesca Gherardi Frida Kahlo Fruizione Gaia Servadio George Byron Gesso Ghisa Giacometti Gioacchino Rossini Gioconda Giorgio Diritti Golden Lilium Gallery Goujian Gran Sasso Heinrich Schliemann Howard Carter INFN IRMS Idrogel Nanostrutturato Il viaggio a Reims Illuminazione Imaging XRF Inibitori Biologici Insetti Internet of Things Intervista Io sono fuoco Isabella Otto Italia Ivano Marescotti Johannes Vermeer John Ruskin LAM LIF Laboratorio Laboratorio Arvedi di Diagnostica Non-Invasiva Lacca Lapislazzuli Laser Scanner Laura Parducci Layer Amplification Method Lazurite Leghe Louvre MIUR Macchina di Antikythera Malte Marcatura ottica Margaret Keane Maria Bernadette Melis Marina Abramovic Marmo Matisse Maya Blu Mercurio MiBACT Michelangelo Buonarroti Michelangelo infinito Microclima Microscopia elettronica ESEM Microstruttura Mikhail Bulgakov Modigliani Modì Monetazione Romana Monna Lisa Mozia Muoni Murex Brandaris Museo Archeologico dell'Alto Adige Nanocellulosa Nanotecnologie Nasiergel Nastri magnetici Neandertal Nopalgel Northumbria University Notre Dame de Paris Obvious Occhio Opera lirica Opera&Art Opere Policrome Opificio delle Pietre Dure Ossidiane Ossido di Zinco Ottica Non Lineare PIXE Padova Palazzo Guiccioli Palmira Percezione Performance Pergamena Perkin Peste Petrografia Philippe Daverio Physically Based Renderer Piogge acide PlayStation Podcast Porcellana Porpora Porpora di Tiro Potere Risolutivo Progetto Grande Rilevanza Italia - Messico RGB Rafael Parra Realtà Virtuale Reazioni chimiche Reggia Rendering Repliche Research Riccardo Falcinelli Riflessione Risoluzione SEM-EDS Sacra Sindone Sali solubili Salvator Mundi Scientia ad Artem3 Seconda Armonica Sheele Sindone Sistina Smaltino Smeraldo Sofia Podestà Solfatazione Spettroscopia FTIR Spettroscopia di Impedenza Elettrochimica Spolvero Sticky-Shed Syndrome Stonehenge Storia dell'arte Storie dell'arte Storie di Sant'Orsola Street art Strontium isotopes Strumenti ad arco Syrtos Syrtos a tre passi TEM TLS Tecnica EVA Teleri Teoria del Restauro Terahertz Terre rare Tessuti fossili The cleaner Titanio Tiziana Pasciuto. Tomografia Computerizzata (CT) Tomografia a Raggi X a Contrasto di Fase Turismo Tutankhamon Uffizi Università di Bologna Urina VIMP VMP Valentina Risdonne Venaria Reale Venezia Verde Victoria and Albert Museum Videogiochi Vinegar Syndrome Vino Violini Viollet-le-Duc Visione Vittore Carpaccio Volevo nascondermi William Turner Workshop XPS XRF Zooarchaeology Zucchero affreschi alcool algoritmo ambra ametista art assenzio bagnabilità cattura del movimento celadonite cera ciclotrone cinabro cloro code colla animale colla di bue colla forte collanti colorante di sintesi cultural heritage dieta escher foglia d'oro folle storia dell'arte follia formula chimica garavella giallo indiano i colori dell'anima idrogel il gesto dell'arte illusioni ottiche imprimiture liuteria malattia mentale manoscritti medievali marine reservoir effect mauveina minerali minio mosaico mostra nastri adesivi natura del materiale nerofumo oli siccativi origine animale origine vegetale oro particelle patrimonio culturale immateriale pelle processo fotossidativo proteomica protoni registri mortuari Milano rimozione ritratto significato sintetici solubilità sostanze adesive spettro elettromagnetico statistica storia del papiro storico dell'arte tempere tempere polisaccaridiche tempere proteiche tempo di presa tintura tinture triangolo di Teas viola viscosità Ötzi
Mostra di più