Visualizzazioni totali

Porpora di Tiro: la chimica di uno status symbol

Sono pochi i coloranti ed i pigmenti che hanno segnato la storia dell’uomo, diventando simboli di un particolare status sociale: tra questi, sicuramente, vi è la porpora di Tiro, un colorante ottenuto con un processo macchinoso, costosissimo, ma che permetteva di ottenere una tonalità di rosso così particolare che nell’antica Roma era riservata alle tuniche di aristocratici e imperatori.

Fig.1. Il quadro “Morte di Cesare” di V. Camuccini (1806 circa) raffigura gli aristocratici e Cesare stesso con le toghe tinte di rosso porpora. 

Storicamente, si attribuisce ai Fenici la scoperta e la produzione della porpora, la cui varietà più pregiata prende il nome di Tiro (attualmente in Libano), una delle antiche città più ricche della fenicia. Il popolo fenicio controllò per lungo tempo il monopolio della porpora, tanto che il termine greco per indicare il rosso porpora, phòinix, è relazionato con il nome proprio dei Fenici, Phòinikes.

Questo colorante si otteneva dalla secrezione di una ghiandola di molluschi gasteropodi muricidi (Murex brandaris), i quali erano posti a macerazione in acqua salata per circa dieci giorni. I tini in cui avveniva la macerazione erano preferibilmente di piombo e non si esclude che anche questo contribuisse, in qualche modo, al risultato finale del colore. Da tale lavorazione ciò che si otteneva era un liquido giallognolo, che nulla aveva a che fare con il vivido porpora. Il viraggio al caratteristico rosso-viola avveniva solamente dopo l’esposizione al sole del liquido o del tessuto stesso impregnato della secrezione dei molluschi: il responsabile del colore giallo era il 6,6-dibromoleucoindaco, che modifica il suo chimismo dopo l’interazione con la luce, diventando 6,6’- dibromoindaco.

Data la sua origine animale, la porpora è caratterizzata da diversi composti, sebbene il 6,6’ dibromoindaco sia stato individuato come il maggior componente, nonché il principale responsabile del colore. Infatti, anche il 6-dibromoindaco e il 6,6’- dibromoindirubina contribuiscono alla chimica della porpora: la tonalità finale ottenuta dipendeva proprio dalla diversa combinazione e concentrazione dei cromogeni.

Fig.2. Sopra: molecola di indaco. Sotto: 6,6’-dibromoindaco
È interessante notare che la porpora presenta una molecola molto simile a quella dell’indaco, altro colorante di origine tuttavia vegetale, che nulla ha a che fare con la porpora di Tiro ed il cui colore è un blu intenso, ma poco stabile alla luce. A differenza dell’indaco, però, la molecola della porpora presenta due atomi di bromo, determinanti per il differente chimismo e colore di queste due molecole apparentemente molto simili.

Le tuniche porporate, dunque, non erano tutte dello stesso identico colore: oggi siamo abituati a tonalità standardizzate, dovute alla produzione di massa di coloranti e pigmenti che si presentano pressoché tutti identici. Il colore finale di un vestito o una tunica romana, era influenzato da molti altri fattori, tra cui la durata e la quantità di esposizione al sole ed il procedimento di tintura dei vestiti. Il modo più semplice per tingere i vestiti era quello di immergere il tessuto nel bagno di colore – in questo caso il 6,6’-dibromoindaco– e favorire il fissaggio del colorante sulla stoffa tramite mordenzatura; un'altra modalità, invece, prevedeva la necessità di iniziare il processo di tintura con la porpora già ossidata al sole, riducendola in un bagno alcalino per ottenere la forma giallo/incolore “leuco” da applicare sul tessuto, il quale, esposto al sole, avrebbe raggiunto il colore desiderato. In questo ultimo caso, dunque, la reazione favorita dalla luce avveniva direttamente sulle fibre della tunica.

Vi sono diverse varietà di molluschi da cui in antichità si otteneva la porpora, sebbene quella di Tiro fosse la più amata e la più apprezzata in tutto il Mediterraneo. Non è difficile immaginare che le stoffe porporate avessero un costo spropositato: per la produzione di circa 1.5 grammi di polvere erano necessari almeno 12.000 molluschi e con tale quantitativo di Porpora si poteva tingere solamente una parte di tunica, dunque immaginiamo il costo stellare che poteva avere quella dell’Imperatore che era completamente tinta di Porpora di Tiro! Non mancavano, perciò, le falsificazioni a basso costo, con l’impiego di altri coloranti ben più economici come il chermes (anch’esso un colorante di origine animale, da Coccus ilicis, ma molto meno stabile e di un colore meno intenso).

Gli elevatissimi costi per l’ottenimento della porpora fecero lentamente cadere in disuso questo colorante; solamente Perkin, con il suo primo colorante sintetico – il color malva – si avvicinò al tanto amato color porpora. I segreti di Tiro, però, furono rivelati solamente nel 1909, quando Paul Friedländer, un chimico tedesco, scoprì finalmente il 6,6’-dibromoindaco, ovvero il responsabile del tanto bramato color porpora.

Francesca

Commenti

Etichette

Fisica Pigmenti Silvia Soncin Metalli Chimica Conservazione Colore Analisi Diagnostiche Diagnostica non invasiva Film&Art Musei Restauro Tecniche non invasive UNESCO Resti Umani Spettroscopia Datazione Elettrochimica Spettroscopia Raman Carta Ceramica Film Imaging Lapidei Spettrometro di Massa Archeometria Arte Contemporanea Audiovisivi Bronzo Corrosione Degrado Dipinti ENEA Gemme Laser Libri Machine Learning Materiali Materiali di origine animale Picasso Rame Sincrotrone Spettrometria di Massa Studi di provenienza Voltammetria di Microparticelle arte libro Adorazione dei Magi Alessadra Virga Antropologia Archeoastronomia Artemisia Gentileschi Biodeterioramento Cervello Cinema Coloranti Dagherrotipia Data Science Diagnosta Egitto Ercolano Firenze Galleria degli Uffizi Gialli di cadmio Graphic Novel Inquinamento Atmosferico Leonardo da Vinci Luce Mass Spectrometry Memoria Michelangelo Microscopia Monitoraggio Museo NfDW Ottica Papiri Parchment Pellicole Piombo Pittura Prodotti innovativi Proteine Restauro digitale Roma SERS Strumenti musicali Tecnologie Termoluminescenza Van Gogh Vesuvio ZooMS calce cancro del bronzo dipinti ad olio inchiostri isotopi stabili leganti radiocarbonio raggi-X supporto scrittorio ANEDbc ANOVA ATR Ablation Actinobatteri Adriana Iuliano Affresco Alabastro Alberto Angela Alimenti Ambiente Amedeo Modigliani Analisi degli Isotopi Stabili Analysis of variance Anton Cechov Antonio Stradivari Archeologia Giudiziaria Archeologia Invisibile Archeologia subacquea Archeology Archeomafie Argento Arsenico Arte Povera Arte moderna Artista Assorbimento Atacama Attribuzione Autobiografia Avorio Azzurrite Benzotriazolo Bible Bioprodotto Biopulitura Birra Blu Bolzano Book CSGI Calchi Cammeo Cantiere Cappella Scrovegni Casa del Bicentenario Ceprano Christie's Ciclo pittorico Cile Cina Cinquecento Cleaning Codice dei beni culturali Conservazione Preventiva Costantino D'Orazio Crimini contro il Patrimonio Culturale Cromatografia DESY DNA Datazione U-Th Datazione al radiocarbonio Declorazione Diamanti Diffrattometria Neutronica Dimorfismo Sessuale Donatello ESRF Edmond de Belamy Elementi in traccia Emanuele Imbucci Enrico Lo Verso Esposizione Eufronio FT-IR Falsificazione Ferro Fotocatalizzatori Fotoemissione Fotografia Fotoluminescenza Francesca Gherardi Frida Kahlo Gesso Goujian Gran Sasso Heinrich Schliemann Howard Carter INFN IRMS Idrogel Nanostrutturato Illuminazione Imaging XRF Inibitori Biologici Insetti Internet of Things Intervista Io sono fuoco Italia Ivano Marescotti John Ruskin KHA LIF Laboratorio Laboratorio Arvedi di Diagnostica Non-Invasiva Lapislazzuli Laser Scanner Lazurite MIUR Macchina di Antikythera Margaret Keane Marina Abramovic Materiali cartacei Matisse Maya Blu Medioevo MiBACT Michelangelo Buonarroti Michelangelo infinito Microclima Microstruttura Mikhail Bulgakov Modigliani Modì Monetazione Romana Muoni Murex Brandaris Musei Vaticani Museo Archeologico dell'Alto Adige Museo Egizio Nanocellulosa Nanomateriali Nasiergel Neandertal Nopalgel Northumbria University Notre Dame de Paris Obvious Occhio Opificio delle Pietre Dure Ossidiane Ottica Non Lineare PIXE Padova Palmira Papiri carbonizzati Percezione Performance Pergamena Perkin Peste Petrografia Philippe Daverio Pompei Porcellana Porpora Porpora di Tiro Potere Risolutivo Progetto Grande Rilevanza Italia - Messico RGB Rafael Parra Reggia Repliche Research Riflessione Rinascimento Risoluzione Sacra Sindone Sali solubili Scientia ad Artem3 Seconda Armonica Sheele Sindone Sistina Smeraldo Sofia Podestà Spettroscopia di Impedenza Elettrochimica Stonehenge Storia del Restauro Storie di Sant'Orsola Street art Strontium isotopes Strumenti ad arco TEM TLS Tecnica EVA Teleri Teoria del Restauro Terahertz The cleaner Titanio Tiziana Pasciuto. Tomografia Computerizzata (CT) Tomografia a Raggi X a Contrasto di Fase Turismo Tutankhamon Urina VIMP VMP Valentina Risdonne Venaria Reale Venezia Verde Vermeer Vetro Victoria and Albert Museum Violini Viollet-le-Duc Visione Vittore Carpaccio William Turner Workshop XPS XRF Zooarchaeology acceleratori adesivi affreschi algoritmo ametista art bagnabilità cera ciclotrone cloro code colla collanti colorante colorante di sintesi cultural heritage dieta escher giallo indiano i colori dell'anima idrogel il gesto dell'arte illusioni ottiche marine reservoir effect mauveina mosaico mostra nastri adesivi natura del materiale nerofumo oli siccativi origine animale origine vegetale particelle pelle pietre preziose processo fotossidativo proteomica protoni pulitura registri mortuari Milano rimozione sintetici solubilità statistica storia del papiro tecnica pittorica tempere tempere polisaccaridiche tempere proteiche tempo di presa tintura triangolo di Teas viola viscosità Ötzi
Mostra di più