Visualizzazioni totali

News from Diagnostic World: la rinascita dei dagherrotipi danneggiati

Fig.1: Uno dei due dagherrotipi, provenienti dalla National Gallery of Canada, utilizzati per lo studio condotto dal team di ricercatori dell’University of Western Ontario.
A) L’immagine mostra come si presenta il dagherrotipo ad occhio nudo.
B) Ciò che risulta visibile dell’immagine dopo l’applicazione della tecnica sperimentale di Imaging XRF sul dagherrotipo, in cui sono messi evidenza gli atomi di mercurio.

No, non è stata necessaria una buona magia per rendere nuovamente visibili, dopo decine di anni, alcuni dagherrotipi gravemente danneggiati: sono serviti soltanto molta chimica e un colpo di fortuna. 

L’importante e inaspettata scoperta è stata condotta da un gruppo di ricercatori dell’University of Western Ontario, capeggiato dalla studentessa di dottorato in chimica Madalena Kozachuk. Lo studio condotto dal team, il quale ha sviluppato una tecnica sperimentale di Imaging XRF (Fluorescenza a raggi X), non invasiva e non distruttiva, aveva come obiettivi l’analisi e la caratterizzazione le diverse fenomenologie di degrado che portano al completo oblio delle immagini contenute in queste fotografie ante litteram. Tuttavia, con grande sorpresa ed entusiasmo, gli studiosi sono riusciti a restituire i volti contenuti nei due ritratti analizzati, in particolar modo grazie alla presenza di atomi di mercurio, depositati sulla lastra fotosensibile durante il processo di sviluppo dell’immagine (Fig. 1, B).

Difatti, il dagherrotipo non è altro che un’immagine ottenuta con una particolare tecnica, sviluppata all’incirca nel 1838 da Louis Daguerre, dal cui cognome prende il nome questo processo fotografico. Per realizzare un dagherrotipo era necessaria una lastra di rame, debitamente lucidata a specchio e ricoperta da un sottile strato di argento: la superficie veniva resa sensibile alla luce grazie ai vapori di iodio, i quali si combinavano chimicamente con l’argento, producendo ioduro di argento. Dopo questo processo la lastra, diventata di colore giallo e resa fotosensibile, poteva essere finalmente inserita nella camera oscura ed esposta alla luce per un periodo non superiore ai 45 minuti, immortalando il soggetto prescelto: tendenzialmente, si trattava di ritratti o, in misura minore, di panorami. Quando la luce, dunque, interagiva con la superficie fotosensibile, la catalizzazione comportava la formazione di particelle di argento, le quali erano proporzionali in densità all’intensità della luce: ciò significa che le zone più chiare dell’immagine, quindi maggiormente esposte, mostravano una maggiore densità di particelle di argento; viceversa, le parti meno esposte risultavano più scure, in quanto era assai minore, se non nulla, la presenza del metallo. Tuttavia, l’immagine impressa, appena latente in questa fase, risultava visibile solamente dopo aver esposto la lastra ai vapori di mercurio a 60°C, i quali andavano a depositarsi sulle porzioni dell’immagine colpite dalla luce, in relazione alla quantità di luminosità che avevano ricevuto durante il processo, producendo delle particelle di amalgama di mercurio e argento. Dopo il fissaggio, condotto mediante l’immersione della lastra in una soluzione di tiosolfato di sodio, che comportava l’eliminazione di tutti gli eventuali residui di ioduro di argento, l’immagine si presentava ben visibile in bianco e nero sulla lastra; tuttavia, è possibile trovare anche esemplari colorati, attraverso l’uso successivo di pigmenti.

La tecnica della dagherrotipia caratterizza un periodo storico abbastanza circoscritto: infatti, venne largamente adoperata solamente per 20 anni circa, ovvero fra il 1838 al 1860. Questo breve periodo d’uso può essere ricondotto ad uno dei più evidenti limiti della tecnica, ovvero la produzione di una fotografia singola e non riproducibile.

In sostanza, gli studiosi canadesi sono riusciti, soprattutto grazie al Sincrotrone CHESS (Cornell High Energy Synchrotron Source), a mappare la distribuzione del mercurio: è stato proprio questo elemento a fornire il maggior numero di informazioni, in quanto svolgeva un ruolo fondamentale nel processo di produzione dell’immagine. L’estesa corrosione che interessava i ritratti, quindi, non ha compromesso in alcun modo le particelle di mercurio e, di conseguenza, l’immagine in sé, permettendo, inoltre, una maggiore comprensione circa la metodologia e la tecnica di formazione di queste immagini.

Dunque, grazie allo studio del team canadese, nonostante l’obiettivo originario fosse diverso, è stato possibile rendere nuovamente visibili due dagherrotipi provenienti dalla National Gallery of Canada, con la speranza che siano solamente i primi di una lunga serie di esemplari di cui poter fruire in futuro nei musei di tutto il mondo.



- Kozachuk M. S., Sham T. K., Martin R. R., Nelson A. J., Coulthard I., McElhone J. P., Recovery of Degraded-Beyond-Recognition 19th Century Daguerreotypes with Rapid High Dynamic Range Elemental X-ray Fluorescence Imaging of Mercury L Emission, Scientific Reports, vol. 8, 2018: https://www.nature.com/articles/s41598-018-27714-5

Commenti

Etichette

Fisica Silvia Soncin Pigmenti Metalli Conservazione Chimica Colore Diagnostica non invasiva Musei Tecniche non invasive UNESCO Analisi Diagnostiche Resti Umani Spettroscopia Datazione Film&Art Restauro Spettroscopia Raman Carta Ceramica Elettrochimica Film Imaging Lapidei Spettrometro di Massa Archeometria Arte Contemporanea Audiovisivi Bronzo Corrosione Degrado Dipinti ENEA Laser Libri Machine Learning Materiali Picasso Rame Sincrotrone Spettrometria di Massa Studi di provenienza libro Adorazione dei Magi Alessadra Virga Antropologia Archeoastronomia Artemisia Gentileschi Biodeterioramento Cervello Cinema Coloranti Dagherrotipia Data Science Diagnosta Egitto Ercolano Firenze Galleria degli Uffizi Gemme Gialli di cadmio Graphic Novel Inquinamento Atmosferico Leonardo da Vinci Luce Mass Spectrometry Memoria Michelangelo Microscopia Monitoraggio Museo NfDW Ottica Papiri Pellicole Piombo Pittura Prodotti innovativi Proteine Restauro digitale Roma SERS Strumenti musicali Tecnologie Termoluminescenza Van Gogh Vesuvio Voltammetria di Microparticelle ZooMS arte calce cancro del bronzo inchiostri isotopi stabili leganti radiocarbonio raggi-X ANEDbc ANOVA ATR Ablation Actinobatteri Adriana Iuliano Affresco Alabastro Alberto Angela Alimenti Ambiente Analisi degli Isotopi Stabili Analysis of variance Anton Cechov Antonio Stradivari Archeologia Giudiziaria Archeologia Invisibile Archeologia subacquea Archeology Archeomafie Argento Arsenico Arte Povera Arte moderna Artista Assorbimento Atacama Attribuzione Autobiografia Azzurrite Benzotriazolo Bible Bioprodotto Biopulitura Birra Blu Bolzano Book CSGI Calchi Cantiere Cappella Scrovegni Casa del Bicentenario Ceprano Christie's Ciclo pittorico Cile Cina Cinquecento Cleaning Codice dei beni culturali Conservazione Preventiva Costantino D'Orazio Crimini contro il Patrimonio Culturale Cromatografia DESY DNA Datazione U-Th Datazione al radiocarbonio Declorazione Diamanti Dimorfismo Sessuale ESRF Edmond de Belamy Elementi in traccia Emanuele Imbucci Enrico Lo Verso Esposizione Eufronio FT-IR Falsificazione Ferro Fotocatalizzatori Fotoemissione Fotografia Fotoluminescenza Francesca Gherardi Gesso Goujian Gran Sasso Heinrich Schliemann Howard Carter INFN IRMS Idrogel Nanostrutturato Illuminazione Imaging XRF Inibitori Biologici Insetti Internet of Things Intervista Io sono fuoco Italia Ivano Marescotti John Ruskin KHA LIF Laboratorio Laboratorio Arvedi di Diagnostica Non-Invasiva Lapislazzuli Laser Scanner Lazurite MIUR Macchina di Antikythera Margaret Keane Marina Abramovic Materiali cartacei Materiali di origine animale Matisse Maya Blu Medioevo MiBACT Michelangelo Buonarroti Michelangelo infinito Microclima Mikhail Bulgakov Modigliani Monetazione Romana Muoni Murex Brandaris Musei Vaticani Museo Archeologico dell'Alto Adige Museo Egizio Nanocellulosa Nanomateriali Nasiergel Neandertal Nopalgel Northumbria University Notre Dame de Paris Obvious Occhio Opificio delle Pietre Dure Ossidiane Ottica Non Lineare PIXE Palmira Papiri carbonizzati Parchment Percezione Performance Perkin Peste Petrografia Philippe Daverio Pompei Porcellana Porpora Porpora di Tiro Potere Risolutivo Progetto Grande Rilevanza Italia - Messico RGB Rafael Parra Reggia Repliche Research Riflessione Rinascimento Risoluzione Sacra Sindone Sali solubili Scientia ad Artem3 Seconda Armonica Sheele Sindone Sistina Smeraldo Sofia Podestà Spettroscopia di Impedenza Elettrochimica Stonehenge Storia del Restauro Storie di Sant'Orsola Street art Strontium isotopes Strumenti ad arco TEM TLS Tecnica EVA Teleri Teoria del Restauro Terahertz The cleaner Titanio Tiziana Pasciuto. Tomografia Computerizzata (CT) Tomografia a Raggi X a Contrasto di Fase Turismo Tutankhamon Valentina Risdonne Venaria Reale Venezia Verde Vetro Victoria and Albert Museum Violini Viollet-le-Duc Visione Vittore Carpaccio William Turner Workshop XPS XRF Zooarchaeology acceleratori adesivi affreschi algoritmo art bagnabilità cera ciclotrone cloro code colla collanti colorante colorante di sintesi cultural heritage dieta dipinti ad olio escher idrogel illusioni ottiche marine reservoir effect mauveina mosaico mostra nastri adesivi natura del materiale nerofumo oli siccativi origine animale origine vegetale particelle processo fotossidativo proteomica protoni pulitura registri mortuari Milano rimozione sintetici solubilità statistica storia del papiro supporto scrittorio tecnica pittorica tempere tempere polisaccaridiche tempere proteiche tempo di presa triangolo di Teas viscosità Ötzi
Mostra di più