Visualizzazioni totali

La datazione al radiocarbonio e il marine reservoir effect

L'immagine mostra la condizione di equilibrio che si instaura alla superficie di un corpo idrico e i movimenti e fenomeni che lo interessano negli strati più profondi. Fonte: Wikipedia

Tutti voi avrete sentito parlare almeno una volta della datazione al radiocarbonio, una delle tecniche più utilizzate per la cui invenzione Willard Frank Libby vinse il Premio Nobel per la chimica nel 1960. Non starò dunque qui a soffermarmi sui principi di applicazione, che passeremo in rassegna brevemente, bensì su uno degli effetti che ogni diagnosta o archeologo deve ben tenere in considerazione nell’interpretazione dei risultati: il marine reservoir effect. 

La datazione al radiocarbonio si basa sul principio per cui il carbonio organico negli esseri viventi è in costante equilibrio con quello atmosferico. In atmosfera, l’isotopo radioattivo del carbonio 14C è presente in basse concentrazioni rispetto agli altri due isotopi stabili, e con diverse velocità di frazionamento viene convertito in carbonio organico attraverso la fotosintesi. Le piante vengono consumate dai consumatori primari (erbivori) o secondari (onnivori) e i consumatori secondari e terziari (carnivori) a loro volta si nutrono dei primari (...o secondari, o terziari), procedendo così lungo la catena trofica. Alla morte, ogni meccanismo di scambio si interrompe e il 14C nell’organismo continuerà a decadere (decadimento beta in 14N) fino al suo completo esaurimento. Il decadimento avviene a velocità costante nel tempo e questo permette a chi interessato di determinare il tempo trascorso dalla morte dell’organismo. Ovviamente, questa scoperta ebbe un’enorme risonanza in archeologia, dove la datazione assoluta di un contesto archeologico o di un singolo materiale diventa talvolta un’informazione di primaria importanza. Eppure, non subito ci si rese conto di una variabile fondamentale che portava spesso a non poche incongruità. Un esempio? Negli anni ‘80 dello scorso secolo, un team dell’Università di Bristol fu impegnato nello scavo di una fossa comune nel Derbyshire dalla quale furono recuperate anche delle monete. Questa importante scoperta portò alla preliminare attribuzione dei circa trecento individui come ai soldati vichinghi de “La grande armata danese”, morti durante l’importante battaglia del 873-74 d.C., la quale portò all’esilio del re della Mercia. Ad ogni modo, le datazioni al radiocarbonio delle ossa indicavano date più antiche per molti degli individui, anche di due secoli. La questione rimase in sospeso e solamente ora si è arrivati ad una conclusione: non era stato valutato il marine reservoir effect. Il nome di questo effetto fa riferimento al “serbatoio” di carbonio tipico dei bacini idrici, più marcato negli oceani e nei mari. In questi ambienti, infatti, il carbonio radioattivo vi entra attraverso i normali scambi di equilibrio tra l’atmosfera e la superficie d’acqua ma, una volta nel nuovo ambiente, i meccanismi di mescolamento tra acque superficiali e profonde sono molto più lenti rispetto ai movimenti atmosferici. Questo non ferma certamente il decadimento del carbonio, così che all’aumentare della profondità marina, nello stesso momento, arriva sempre meno 14C e quello già presente sarà già decaduto. Gli organismi che vivono in questi ambienti avranno, di conseguenza, immagazzinato molto meno carbonio radioattivo rispetto a quelli terrestri e risulteranno quindi alla morte “più antichi” degli stessi, se datati col metodo del radiocarbonio. Questo effetto non è uniforme, ma varia sia dal punto di vista geografico che temporale: per questi motivi, in base al materiale che si vuole datare, bisognerà apportare la correzione per l’effetto marino più opportuna. 

Ecco qui svelato il mistero dei vichinghi del Derbyshire: gli archeologi non avevano considerato che alcuni di loro avevano solamente mangiato molto (e altri meno) pesce. Questa è solo una delle numerose variabili da tenere in considerazione quando ci si affida alla datazione al radiocarbonio (tra gli altri: effetti geofisici, del clima, antropici, dell’emisfero, del vulcanesimo, delle acque dure, ecc...) ma sicuramente una delle più interessanti. Alla prossima, con qualche caso studio interessante! 

Silvia 

Bibliografia 

Ascough, P., Cook, G., & Dugmore, A. (2005). Methodological approaches to determining the marine radiocarbon reservoir effect. Progress in Physical Geography, 29(4), 532-547. 

Jarman, C. L., Biddle, M., Higham, T., & Ramsey, C. B. (2018). The Viking Great Army in England: new dates from the Repton charnel. Antiquity, 92(361), 183-199.

Commenti

Etichette

Emanuele Dell'Aglio Pigmenti Metalli Silvia Soncin Chimica Conservazione Colore Film&Art Restauro Analisi Diagnostiche Diagnostica non invasiva Musei Resti Umani Tecniche non invasive UNESCO Carta Spettroscopia Spettroscopia Raman Datazione Elettrochimica Imaging Ceramica Degrado Film Lapidei Spettrometria di Massa Spettrometro di Massa Studi di provenienza Alessadra Virga Archeometria Arte Contemporanea Audiovisivi Bronzo Corrosione Dipinti ENEA Gemme Laser Libri Machine Learning Materiali Materiali di origine animale Museo News from Diagnostic World NfDW Papiri Picasso Piombo Pittura Rame Research for Cultural Heritage Sincrotrone Vetro Voltammetria di Microparticelle arte libro Adorazione dei Magi Alimenti Antropologia Archeoastronomia Artemisia Gentileschi Biodeterioramento Cervello Cinema Coloranti Costantino D'Orazio Dagherrotipia Data Science Diagnosta Egitto Ercolano Firenze Galleria degli Uffizi Gialli di cadmio Graphic Novel Inquinamento Atmosferico Legno Leonardo da Vinci Luce Mass Spectrometry Materiali cartacei Medioevo Memoria Michelangelo Microscopia Monitoraggio Nanomateriali Ottica Papiri carbonizzati Parchment Pellicole Prodotti innovativi Proteine Restauro digitale Rinascimento Roma SERS Storia del Restauro Strumenti musicali Tecnologie Termoluminescenza Van Gogh Vesuvio ZooMS acceleratori biologia calce cancro del bronzo dipinti ad olio inchiostri isotopi stabili leganti pulitura radiocarbonio raggi-X supporto scrittorio tecnica pittorica tessuti vegetali ANEDbc ANOVA ATR Ablation Actinobatteri Adriana Iuliano Affresco Alabastro Alberto Angela Ambiente Amedeo Modigliani Analisi degli Isotopi Stabili Analysis of variance Anton Cechov Antonio Stradivari Archeologia Giudiziaria Archeologia Invisibile Archeologia subacquea Archeology Archeomafie Argento Arsenico Arte Povera Arte moderna Artista Assorbimento Atacama Attribuzione Autobiografia Avorio Azzurrite Beatrice Luzi Benedetta Vitale Benzotriazolo Bible Bioprodotto Biopulitura Birra Blu Bolzano Book CERN CSGI Caffè Calchi Cammeo Cantiere Cappella Scrovegni Caravaggio segreto Casa del Bicentenario Ceprano Christie's Ciclo pittorico Cile Cina Cinquecento Cioccolato Cleaning Codice dei beni culturali Conservazione Preventiva Coppa di Licurgo Coronavirus Crimini contro il Patrimonio Culturale Cromatografia DESY DNA Datazione U-Th Datazione al radiocarbonio Declorazione Diamanti Diffrattometria Neutronica Dimorfismo Sessuale Donatello ESRF Edmond de Belamy Elementi in traccia Emanuele Imbucci Enrico Lo Verso Esposizione Eufronio FT-IR Falsificazione Fenici Ferro Fotocatalizzatori Fotoemissione Fotografia Fotoluminescenza Francesca Gherardi Frida Kahlo Fruizione Gaia Servadio Gesso Gioacchino Rossini Golden Lilium Gallery Goujian Gran Sasso Heinrich Schliemann Howard Carter INFN IRMS Idrogel Nanostrutturato Il viaggio a Reims Illuminazione Imaging XRF Inibitori Biologici Insetti Internet of Things Intervista Io sono fuoco Isabella Otto Italia Ivano Marescotti John Ruskin KHA LIF Laboratorio Laboratorio Arvedi di Diagnostica Non-Invasiva Lapislazzuli Laser Scanner Lazurite Leonardo MIUR Macchina di Antikythera Margaret Keane Marina Abramovic Marmo Matisse Maya Blu Mercurio MiBACT Michelangelo Buonarroti Michelangelo infinito Microclima Microscopia elettronica ESEM Microstruttura Mikhail Bulgakov Modelli tridimensionali Modigliani Modì Monetazione Romana Mozia Muoni Murex Brandaris Musei Vaticani Musei virtuali Museo Archeologico dell'Alto Adige Museo Egizio Nanocellulosa Nanotecnologie Nasiergel Nastri magnetici Neandertal Nopalgel Northumbria University Notre Dame de Paris Obvious Occhio Opera lirica Opera&Art Opificio delle Pietre Dure Ossidiane Ottica Non Lineare PIXE Padova Palmira Percezione Performance Pergamena Perkin Peste Petrografia Philippe Daverio Physically Based Renderer Piogge acide Pompei Porcellana Porpora Porpora di Tiro Potere Risolutivo Progetto Grande Rilevanza Italia - Messico RGB Rafael Parra Reazioni chimiche Reggia Rendering Repliche Research Riflessione Risoluzione Sacra Sindone Sali solubili Salvator Mundi Scientia ad Artem3 Seconda Armonica Sheele Sindone Sistina Smeraldo Sofia Podestà Solfatazione Spettroscopia FTIR Spettroscopia di Impedenza Elettrochimica Sticky-Shed Syndrome Stonehenge Storia dell'arte Storie dell'arte Storie di Sant'Orsola Street art Strontium isotopes Strumenti ad arco TEM TLS Tecnica EVA Teleri Teoria del Restauro Terahertz The cleaner Titanio Tiziana Pasciuto. Tomografia Computerizzata (CT) Tomografia a Raggi X a Contrasto di Fase Turismo Tutankhamon Urina VIMP VMP Valentina Risdonne Venaria Reale Venezia Verde Vermeer Victoria and Albert Museum Vinegar Syndrome Vino Violini Viollet-le-Duc Visione Vittore Carpaccio William Turner Workshop XPS XRF Zooarchaeology Zucchero adesivi affreschi algoritmo ametista art bagnabilità cera ciclotrone cinabro cloro code colla collanti colorante colorante di sintesi cultural heritage dieta doratura escher foglia d'oro giallo indiano i colori dell'anima idrogel il gesto dell'arte illusioni ottiche marine reservoir effect mauveina minerali mosaico mostra nastri adesivi natura del materiale nerofumo oli siccativi origine animale origine vegetale oro particelle pelle pietre preziose processo fotossidativo proteomica protoni registri mortuari Milano rimozione rosso sintetici solubilità statistica storia del papiro storico dell'arte tempere tempere polisaccaridiche tempere proteiche tempo di presa tintura triangolo di Teas viola viscosità Ötzi
Mostra di più