Visualizzazioni totali

News from diagnosti world: Lo scheletro di Atacama non è un extraterrestre (ovvero, quando l’approccio scientifico salva i beni culturali dalle dicerie)

»

La storia di “Ata”, la mummia di Atacama, ebbe inizio una mattina tra l’agosto e l’ottobre 2003, quando fu scoperta avvolta in un panno da un cacciatore di tesori, nelle vicinanze dell’antica chiesa di La Noria, una vecchia città mineraria abbandonata nel pieno deserto di Atacama, Cile. Data la sua insolita fisionomia, la mummia passò di mano in mano fino al suo attuale proprietario: Ramón Navia-Osorio. Da subito la scoperta ottenne un’incredibile risonanza:
le prime fotografie mostravano un piccolissimo essere umano alto 14 centimetri, con strutture anatomiche perfettamente formate e proporzionate, un cranio allungato e appuntito, 10 costole invece di 12, grandi orbite e un dente completamente erotto. Di cosa si trattava?

Lo scorso 22 marzo, a 15 anni dalla scoperta di Ata, Genome Research, grazie ad un team di ricerca capitanato da Garry Nolan dell’Università di Stanford, mette un punto a quella che sembrerebbe essere solo una triste storia (Bhattacharya et al, 2018). Lo stesso team aveva iniziato a studiare approfonditamente il piccolo corpo già nel 2012, sottoponendolo a diverse analisi – fotografia ad alta risoluzione, radiografie, tomografia computerizzata e sequenziamento dell’intero genoma – ottenendo interessanti risultati preliminari. Lo scopo era quello di: includere (o escludere) l’incidenza di qualche sindrome o malattia rara, determinare l’età alla morte, verificare la specie di appartenenza (Bhattacharya et al, 2018, supplementary material). Medici specializzati in anomalie nella crescita in età pediatrica, in particolare in disordini genetici del sistema scheletrico, decretarono che si trattava di un bambino (umano) morto tra i 6 e gli 8 anni di età (sulla base dello stadio di accrescimento delle epifisi osservato tramite radiografie), e che le anormalità osservate non erano riferibili a nessun disordine pediatrico conosciuto. Ciò ha portato all’analisi del genoma del campione, con la speranza di riuscire a determinare le cause genetiche alla base delle anomalie morfologiche. Dalle prime analisi del DNA, i media e i gruppi di ufologia interpretarono la “sola” copertura del ~91% delle sequenze con il genoma umano, come una prova della provenienza extraterrestre del campione. Gli autori spiegarono l’infondatezza di tali speculazioni, ma ciò non bastò ad acquietarle. Inoltre, la ricostruzione della sequenza del DNA mitocondriale mostrava una sequenza allelica in linea con l'aplogruppo B2, caratteristico della costa ovest del Sud America, orientando altre voci sul versante “nuova specie ominide del Sud America”.

I nuovi risultati fanno oggi luce sulla vera storia della piccola mummia. Gli autori confermano l’appartenenza del reperto alla specie umana ed in particolare alla popolazione cilena contemporanea, con influenze europee, asiatiche e native americane. La presenza di sequenze tipiche europee suggeriscono l’appartenenza del corpo ad un’epoca recente, sicuramente successiva alla colonizzazione europea, dunque non più antica di 500 anni; inoltre, la pressoché totale mancanza di contaminazione e degrado del DNA fa pensare che Ata sia molto più giovane, forse di poche decadi. Si tratta certamente di una bambina, probabilmente nata morta o morta neonata, del cui DNA i ricercatori hanno evidenziato numerose mutazioni genetiche e variazioni dei singoli nucleotidi (SNVs) che spiegano, finalmente, le caratteristiche fenotipiche di Ata, tra le altre: scoliosi, sindrome di Ehlers-Danlos, displasia cranioectodermica, displasia scheletrica di tipo Greenberg, ernia diaframmatica congenita. Considerando la numerosità e la gravità delle mutazioni che affliggevano l’organismo, gli autori suggeriscono la presenza di un probabile elemento aggravante, quello dovuto all’esposizione prolungata a nitrato di sodio, essendo La Noria una piccola città abbandonata precedentemente usata per la sua estrazione (Andreassi et al., 2001).
In un secondo contributo, gli autori suggeriscono il rimpatrio di Ata, inserendosi perfettamente in quel clima di tutela nei confronti dei resti umani di cui abbiamo gia parlato qui (Nolan & Butte, 2018). 

Da sempre molti sono propensi a ricercare segni di vita extra-terrestre come spiegazione a fatti straordinari, per esempio la realizzazione delle piramidi o di Stonehenge. Ma non vuol dire questo screditare la potenza dell’ingegno umano, o passare sopra un’intima sofferenza, come quella della mummia Ata? Oggi abbiamo gli strumenti scientifici e culturali per fare luce sulle molteplici sfaccettature della nostra natura, che vale forse la pena proteggere con orgoglio.  

Silvia




References

Andreassi, M.G., Picano, E., Del Ry, S., Botto, N., Colombo, M.G., Giannessi, D., Lubrano, V., Vassalle, C. and Biagini, A., 2001. Chronic long-term nitrate therapy: possible cytogenetic effect in humans?. Mutagenesis, 16(6), pp.517-521.

Bhattacharya, S., Li, J., Sockell, A., Kan, M.J., Bava, F.A., Chen, S.C., Ávila-Arcos, M.C., Ji, X., Smith, E., Asadi, N.B. and Lachman, R.S., 2018. Whole-genome sequencing of Atacama skeleton shows novel mutations linked with dysplasia. Genome research.

Nolan, G. and Butte, A., 2018. The Atacama skeleton. Genome Research, pp.gr-237834.

Commenti

Etichette

Fisica Silvia Soncin Pigmenti Metalli Conservazione Chimica Colore Diagnostica non invasiva Musei Tecniche non invasive UNESCO Analisi Diagnostiche Resti Umani Spettroscopia Datazione Film&Art Restauro Spettroscopia Raman Carta Ceramica Elettrochimica Film Imaging Lapidei Spettrometro di Massa Archeometria Arte Contemporanea Audiovisivi Bronzo Corrosione Degrado Dipinti ENEA Laser Libri Machine Learning Materiali Picasso Rame Sincrotrone Spettrometria di Massa Studi di provenienza libro Adorazione dei Magi Alessadra Virga Antropologia Archeoastronomia Artemisia Gentileschi Biodeterioramento Cervello Cinema Coloranti Dagherrotipia Data Science Diagnosta Egitto Ercolano Firenze Galleria degli Uffizi Gemme Gialli di cadmio Graphic Novel Inquinamento Atmosferico Leonardo da Vinci Luce Mass Spectrometry Memoria Michelangelo Microscopia Monitoraggio Museo NfDW Ottica Papiri Pellicole Piombo Pittura Prodotti innovativi Proteine Restauro digitale Roma SERS Strumenti musicali Tecnologie Termoluminescenza Van Gogh Vesuvio Voltammetria di Microparticelle ZooMS arte calce cancro del bronzo inchiostri isotopi stabili leganti radiocarbonio raggi-X ANEDbc ANOVA ATR Ablation Actinobatteri Adriana Iuliano Affresco Alabastro Alberto Angela Alimenti Ambiente Analisi degli Isotopi Stabili Analysis of variance Anton Cechov Antonio Stradivari Archeologia Giudiziaria Archeologia Invisibile Archeologia subacquea Archeology Archeomafie Argento Arsenico Arte Povera Arte moderna Artista Assorbimento Atacama Attribuzione Autobiografia Azzurrite Benzotriazolo Bible Bioprodotto Biopulitura Birra Blu Bolzano Book CSGI Calchi Cantiere Cappella Scrovegni Casa del Bicentenario Ceprano Christie's Ciclo pittorico Cile Cina Cinquecento Cleaning Codice dei beni culturali Conservazione Preventiva Costantino D'Orazio Crimini contro il Patrimonio Culturale Cromatografia DESY DNA Datazione U-Th Datazione al radiocarbonio Declorazione Diamanti Dimorfismo Sessuale ESRF Edmond de Belamy Elementi in traccia Emanuele Imbucci Enrico Lo Verso Esposizione Eufronio FT-IR Falsificazione Ferro Fotocatalizzatori Fotoemissione Fotografia Fotoluminescenza Francesca Gherardi Gesso Goujian Gran Sasso Heinrich Schliemann Howard Carter INFN IRMS Idrogel Nanostrutturato Illuminazione Imaging XRF Inibitori Biologici Insetti Internet of Things Intervista Io sono fuoco Italia Ivano Marescotti John Ruskin KHA LIF Laboratorio Laboratorio Arvedi di Diagnostica Non-Invasiva Lapislazzuli Laser Scanner Lazurite MIUR Macchina di Antikythera Margaret Keane Marina Abramovic Materiali cartacei Materiali di origine animale Matisse Maya Blu Medioevo MiBACT Michelangelo Buonarroti Michelangelo infinito Microclima Mikhail Bulgakov Modigliani Monetazione Romana Muoni Murex Brandaris Musei Vaticani Museo Archeologico dell'Alto Adige Museo Egizio Nanocellulosa Nanomateriali Nasiergel Neandertal Nopalgel Northumbria University Notre Dame de Paris Obvious Occhio Opificio delle Pietre Dure Ossidiane Ottica Non Lineare PIXE Palmira Papiri carbonizzati Parchment Percezione Performance Perkin Peste Petrografia Philippe Daverio Pompei Porcellana Porpora Porpora di Tiro Potere Risolutivo Progetto Grande Rilevanza Italia - Messico RGB Rafael Parra Reggia Repliche Research Riflessione Rinascimento Risoluzione Sacra Sindone Sali solubili Scientia ad Artem3 Seconda Armonica Sheele Sindone Sistina Smeraldo Sofia Podestà Spettroscopia di Impedenza Elettrochimica Stonehenge Storia del Restauro Storie di Sant'Orsola Street art Strontium isotopes Strumenti ad arco TEM TLS Tecnica EVA Teleri Teoria del Restauro Terahertz The cleaner Titanio Tiziana Pasciuto. Tomografia Computerizzata (CT) Tomografia a Raggi X a Contrasto di Fase Turismo Tutankhamon Valentina Risdonne Venaria Reale Venezia Verde Vetro Victoria and Albert Museum Violini Viollet-le-Duc Visione Vittore Carpaccio William Turner Workshop XPS XRF Zooarchaeology acceleratori adesivi affreschi algoritmo art bagnabilità cera ciclotrone cloro code colla collanti colorante colorante di sintesi cultural heritage dieta dipinti ad olio escher idrogel illusioni ottiche marine reservoir effect mauveina mosaico mostra nastri adesivi natura del materiale nerofumo oli siccativi origine animale origine vegetale particelle processo fotossidativo proteomica protoni pulitura registri mortuari Milano rimozione sintetici solubilità statistica storia del papiro supporto scrittorio tecnica pittorica tempere tempere polisaccaridiche tempere proteiche tempo di presa triangolo di Teas viscosità Ötzi
Mostra di più