Visualizzazioni totali

News from diagnostic world: approccio non invasivo per la lettura dei papiri carbonizzati di Ercolano.


Ricostruzione della macchina di Antonio Piaggio, volta allo srotolamento dei papiri carbonizzati ercolanensi.

La Scienza corre nuovamente in aiuto della Storia e della Cultura, cercando di ridare voce ad un patrimonio culturale immenso, ancora celato in circa 1800 papiri trovati ad Ercolano. La nota città campana, difatti, costituisce un ulteriore testimone dell’eruzione del Vesuvio avvenuta nel 79 d. C., evento che ci è stato trasmesso dalla lettera di Plinio il Giovane rivolta a Tacito, il quale descrive allo storico le circostanze in cui è morto il suo celeberrimo zio, Plinio il Vecchio (se volete approfondire, qui è disponibile una traduzione della lettera).
L’eruzione, che portò alla totale distruzione e al seppellimento di Pompei, inizialmente risparmiò la città di Ercolano. Tuttavia, in un secondo momento,
dei nuvoloni di gas incandescente, originatisi dal collasso della colonna di fumo “a forma di pino” (“Si elevava una nube, […] nessun'altra pianta meglio del pino ne potrebbe riprodurre la figura e la forma.” – Lettera di Plinio il Giovane a Tacito), piombarono sulla città, carbonizzando tutto ciò che incontravano al loro passaggio. In un lasso di tempo brevissimo, i papiri subirono un forte riscaldamento in ambiente anossico, (motivo per il quale posseggono questo aspetto ritorto e friabile) diventando così simili al “tanto legno bruciato che incontravano ad ogni passo” (parole di Camillo Paderni riportate nel libro di Comparetti e De Petra, pag. 58) durante i primi ritrovamenti nel XVIII secolo. Oltre agli abitanti e alle case, anche i celebri scritti restarono sepolti nella Villa dei Papiri (a cui hanno dato il nome) per circa 17 secoli.
Dal momento del rinvenimento in poi, sono stati innumerevoli i tentativi volti a “riaprire” i rotoli carbonizzati, in modo invasivo e non.
Camillo Paderni fu il primo ad intervenire materialmente sui papiri con il metodo della scorzatura, ovvero tagliando longitudinalmente i rotoli, sfogliandoli e conservandone solo la parte esterna, perdendo così una grande quantità di materiale e di informazioni.
Un intervento sostanziale venne conferito da Antonio Piaggio, il quale architettò un sistema di svolgimento dei papiri utilizzato fino agli inizi del XX secolo: il padre scolopio aveva creato una macchina che teneva il supporto scrittorio in trazione mentre egli, aiutandosi con bisturi e pinze e fissando il materiale con una colla naturale creata da lui, staccava con estrema difficoltà le parti del rotolo, ottenendo infine un buon risultato, seppure distruttivo e non sempre perfetto.
Attualmente, anche la Scienza dona il suo apporto alla causa dei papiri ercolanensi: infatti, in collaborazione con Laboratorio Europeo delle Radiazioni al Sincrotrone (ESRF) di Grenoble, un team dell’Imm-CNR, guidato dal dottor Vito Mocella, ha sviluppato un metodo non invasivo, la Tomografia a Raggi X con contrasto di fase, che tenterà di svelare i segreti ancora intrappolati nel materiale carbonizzato. Attraverso delle scansioni estremamente dettagliate del supporto scrittorio, sfruttando le diverse risposte del papiro e dell’inchiostro ai raggi X, è possibile individuare ed estrapolare dall’antica carta lettere e, addirittura, parole. Tuttavia, la tecnica va ulteriormente affinata, in modo da ottenere quante più informazioni possibili dai papiri ercolanensi: nonostante il percorso sia ancora molto lungo e tortuoso, le evidenze ed i risultati raggiunti dal team non fanno altro che dare fiducia a questa tecnologia.



- Anna Angeli, Lo svolgimento dei papiri carbonizzati: http://www.chartes.it/images/attachment/Angeli,%20Svolgimento.pdf
- Domenico Comparetti, Giulio De Petra, La villa ercolanense dei Pisoni. I suoi monumenti e la sua biblioteca: https://www.amazon.it/villa-ercolanese-dei-Pisoni/dp/B00GX6R36O
- Superquark, Ora potremo leggere i papiri carbonizzati di Ercolano? - 02/08/2017: http://www.raiplay.it/video

Commenti

  1. Hermoso gracias siempre la tecnologia nos da la respuesta a la conservacion no invasiva

    RispondiElimina

Posta un commento

Etichette

Fisica Silvia Soncin Pigmenti Metalli Conservazione Chimica Colore Diagnostica non invasiva Musei Tecniche non invasive UNESCO Analisi Diagnostiche Resti Umani Spettroscopia Datazione Film&Art Restauro Spettroscopia Raman Carta Ceramica Elettrochimica Film Imaging Lapidei Spettrometro di Massa Archeometria Arte Contemporanea Audiovisivi Bronzo Corrosione Degrado Dipinti ENEA Laser Libri Machine Learning Materiali Picasso Rame Sincrotrone Spettrometria di Massa Studi di provenienza libro Adorazione dei Magi Alessadra Virga Antropologia Archeoastronomia Artemisia Gentileschi Biodeterioramento Cervello Cinema Coloranti Dagherrotipia Data Science Diagnosta Egitto Ercolano Firenze Galleria degli Uffizi Gemme Gialli di cadmio Graphic Novel Inquinamento Atmosferico Leonardo da Vinci Luce Mass Spectrometry Memoria Michelangelo Microscopia Monitoraggio Museo NfDW Ottica Papiri Pellicole Piombo Pittura Prodotti innovativi Proteine Restauro digitale Roma SERS Strumenti musicali Tecnologie Termoluminescenza Van Gogh Vesuvio Voltammetria di Microparticelle ZooMS arte calce cancro del bronzo inchiostri isotopi stabili leganti radiocarbonio raggi-X ANEDbc ANOVA ATR Ablation Actinobatteri Adriana Iuliano Affresco Alabastro Alberto Angela Alimenti Ambiente Analisi degli Isotopi Stabili Analysis of variance Anton Cechov Antonio Stradivari Archeologia Giudiziaria Archeologia Invisibile Archeologia subacquea Archeology Archeomafie Argento Arsenico Arte Povera Arte moderna Artista Assorbimento Atacama Attribuzione Autobiografia Azzurrite Benzotriazolo Bible Bioprodotto Biopulitura Birra Blu Bolzano Book CSGI Calchi Cantiere Cappella Scrovegni Casa del Bicentenario Ceprano Christie's Ciclo pittorico Cile Cina Cinquecento Cleaning Codice dei beni culturali Conservazione Preventiva Costantino D'Orazio Crimini contro il Patrimonio Culturale Cromatografia DESY DNA Datazione U-Th Datazione al radiocarbonio Declorazione Diamanti Dimorfismo Sessuale ESRF Edmond de Belamy Elementi in traccia Emanuele Imbucci Enrico Lo Verso Esposizione Eufronio FT-IR Falsificazione Ferro Fotocatalizzatori Fotoemissione Fotografia Fotoluminescenza Francesca Gherardi Gesso Goujian Gran Sasso Heinrich Schliemann Howard Carter INFN IRMS Idrogel Nanostrutturato Illuminazione Imaging XRF Inibitori Biologici Insetti Internet of Things Intervista Io sono fuoco Italia Ivano Marescotti John Ruskin KHA LIF Laboratorio Laboratorio Arvedi di Diagnostica Non-Invasiva Lapislazzuli Laser Scanner Lazurite MIUR Macchina di Antikythera Margaret Keane Marina Abramovic Materiali cartacei Materiali di origine animale Matisse Maya Blu Medioevo MiBACT Michelangelo Buonarroti Michelangelo infinito Microclima Mikhail Bulgakov Modigliani Monetazione Romana Muoni Murex Brandaris Musei Vaticani Museo Archeologico dell'Alto Adige Museo Egizio Nanocellulosa Nanomateriali Nasiergel Neandertal Nopalgel Northumbria University Notre Dame de Paris Obvious Occhio Opificio delle Pietre Dure Ossidiane Ottica Non Lineare PIXE Palmira Papiri carbonizzati Parchment Percezione Performance Perkin Peste Petrografia Philippe Daverio Pompei Porcellana Porpora Porpora di Tiro Potere Risolutivo Progetto Grande Rilevanza Italia - Messico RGB Rafael Parra Reggia Repliche Research Riflessione Rinascimento Risoluzione Sacra Sindone Sali solubili Scientia ad Artem3 Seconda Armonica Sheele Sindone Sistina Smeraldo Sofia Podestà Spettroscopia di Impedenza Elettrochimica Stonehenge Storia del Restauro Storie di Sant'Orsola Street art Strontium isotopes Strumenti ad arco TEM TLS Tecnica EVA Teleri Teoria del Restauro Terahertz The cleaner Titanio Tiziana Pasciuto. Tomografia Computerizzata (CT) Tomografia a Raggi X a Contrasto di Fase Turismo Tutankhamon Valentina Risdonne Venaria Reale Venezia Verde Vetro Victoria and Albert Museum Violini Viollet-le-Duc Visione Vittore Carpaccio William Turner Workshop XPS XRF Zooarchaeology acceleratori adesivi affreschi algoritmo art bagnabilità cera ciclotrone cloro code colla collanti colorante colorante di sintesi cultural heritage dieta dipinti ad olio escher idrogel illusioni ottiche marine reservoir effect mauveina mosaico mostra nastri adesivi natura del materiale nerofumo oli siccativi origine animale origine vegetale particelle processo fotossidativo proteomica protoni pulitura registri mortuari Milano rimozione sintetici solubilità statistica storia del papiro supporto scrittorio tecnica pittorica tempere tempere polisaccaridiche tempere proteiche tempo di presa triangolo di Teas viscosità Ötzi
Mostra di più