Visualizzazioni totali

News from diagnostic world: Rivelata l'identità di Argil, l'uomo di Ceprano

»

Era la domenica mattina del 13 marzo 1994 quando l’archeologo Italo Biddittu individuò, intrappolato in un grigio strato di argilla portato alla luce dai lavori per la nuova strada di collegamento tra le cittadine di Ceprano e Pofi (FR), ciò che rimaneva del cranio di una specie arcaica del genere Homo. Si trattava di Argil, più noto come “l’uomo di Ceprano”.
L’incompletezza del reperto, ricostruito sulla base di oltre 50 frammenti, e la deformazione dello stesso dovuta al peso dei sedimenti in cui si sarebbe poi fossilizzato, hanno reso per anni incerta l’attribuzione tassonomica di questo importante fossile umano. Incertezza accresciuta da un’iniziale errata datazione a 800-900 mila anni dal presente, facendolo apparire come il reperto umano fossile più antico d’Europa conosciuto fino a quel momento. Così Argil venne prima attribuito ad una tarda forma di Homo erectus, ad un rappresentante di Homo antecessor , fino ad essere proposto come olotipo (cioè l’esemplare di riferimento) di una nuova specie, chiamata appunto Homo cepranensis
Una nuova datazione del reperto, compresa in un intervallo tra 430 e 385 mila anni dal presente, venne proposta nel 2010 da Manzi e collaboratori. Questa, ora insieme al restauro digitale Di Vincenzo e collaboratori, permettono oggi, a 23 anni dalla scoperta, di fare nuova luce sulla possibile identità di Argil. Grazie al rilevamento 3D del calvario e di numerosi altri piccoli frammenti per mezzo dalla microtomografia a raggi X (µCT), è stato possibile rimuovere digitalmente il gesso (identificato in due tipologie) utilizzato nei precedenti restauri. In questo modo, è stato possibile ricollocare i vari frammenti nella loro corretta posizione anatomica operando in condizioni di realtà virtuale, senza quindi mai toccare fisicamente il reperto originale e garantendone così in ogni momento l’integrità. Una volta realizzato il restauro digitale, gli autori hanno indagato la deformazione a cui il calvario è stato sottoposto nelle prime fasi della diagenesi (ovvero il processo di trasformazione dell’osso durante la fossilizzazione), ad opera del peso dei sedimenti in cui era incluso. La comprensione completa del fenomento, indagato attraverso una simulazione digitale simile a quella che si usa nell’industria per testare la resistenza allo stress meccanico di vari componenti, ha permesso la successiva applicazione di un algoritmo di retrodeformazione, un procedimento capace di restituire al cranio la sua forma originaria. Il nuovo restauro digitale del calvario permette di riconsiderarne la tassonomia. L’uomo di Ceprano ha numerose caratteristiche morfologiche riferite alla specie Homo heidelbergensis, conosciuta per i reperti fossili distribuiti nel Pleistocene Medio (tra 600 e 300 mila anni fa) in Africa e in Eurasia, e considerata dagli esperti come la specie ancestrale a H. neanderthaliensis, H. sapiens e agli, ancora forse poco conosciuti, uomini di Denisova
L’articolo ha un evidente impatto nella comunità scientifica, soprattutto in ambito antropologico. Non da meno, visto in prospettiva, lo stesso mostra come un restauro di un bene artistico, archeologico o paleontologico può portare ad una errata interpretazione del suo messaggio intrinseco se le metodologie utilizzate, nel caso specifico l’uso estensivo di gesso, non sono reversibili e diventano loro volta causa di danneggiamento. Le tecniche di imaging e di restauro digitale, data la loro non distruttività, permetto di superare queste problematiche e ricoprono oggi un ruolo fondamentale nella diagnostica, conservazione e divulgazione di ogni bene di interesse artistico, archeologico o scientifico, garantendo non di meno l’eventuale totale reversibilità dell’intervento in futuro. 
Spesso non ci rendiamo conto di quanto la cultura ci circondi nella nostra quotidianità. Siamo soliti pensare che sia necessario fare un salto in un museo, assistere a un concerto di musica classica o prenotare un viaggio per una capitale europea per poterne beneficiare. Eppure basterebbe concedersi una buona camminata, e immaginare chi ha percorso lo stesso luogo prima di noi, migliaia e migliaia di anni fa...


A sinistra, il cranio di Argil dopo essere stato restaurato e retrodeformato; dal giallo a rosso le zone che sono state spinte verso l'interno rispetto all’originale e, viceversa, dal verde al blu quelle che sono state spinte verso fuori. A destra, un disegno dell’artista scientifico Carlo Ranzi realizzato circa dieci anni prima dalla scoperta di Argil sembra anticiparne la morfologia.

Di seguito si rimanda alla vasta bibliografia su Argil, tra cui l'articolo appena discusso, scaricabile da Scientific Reports:
  • Ascenzi, A., Biddittu, I., Cassoli, P.F., Segre, A.G. and Segre-Naldini, E., 1996. A calvarium of lateHomo erectusfrom Ceprano, Italy. Journal of Human Evolution, 31(5), pp.409-423. 
  • Clarke, R.J., 2000. A corrected reconstruction and interpretation of the Homo erectus calvaria from Ceprano, Italy. Journal of human evolution, 39(4), pp.433-442. 
  • Bruner, E. and Manzi, G., 2005. CT‐based description and phyletic evaluation of the archaic human calvarium from Ceprano, Italy. The Anatomical Record, 285(1), pp.643-657. 
  • Bruner, E. and Manzi, G., 2007. Landmark‐based shape analysis of the archaic Homo calvarium from Ceprano (Italy). American Journal of Physical Anthropology, 132(3), pp.355-366 
  • Di Vincenzo, F., Profico, A., Bernardini, F., Cerroni, V., Dreossi, D., Schlager, S., Zaio, P., Benazzi, S., Biddittu, I., Rubini, M. and Tuniz, C., 2017. Digital reconstruction of the Ceprano calvarium (Italy), and implications for its interpretation. Scientific Reports, 7(1), p.13974. 
  • Mallegni, F., Carnieri, E., Bisconti, M., Tartarelli, G., Ricci, S., Biddittu, I. and Segre, A., 2003. Homo cepranensis sp. nov. and the evolution of African-European Middle Pleistocene hominids. Comptes Rendus Palevol, 2(2), pp.153-159. 
  • Manzi, G., Mallegni, F. and Ascenzi, A., 2001. A cranium for the earliest Europeans: phylogenetic position of the hominid from Ceprano, Italy. Proceedings of the National Academy of Sciences, 98(17), pp.10011-10016. 
  • Manzi, G., Magri, D., Milli, S., Palombo, M.R., Margari, V., Celiberti, V., Barbieri, M., Barbieri, M., Melis, R.T., Rubini, M. and Ruffo, M., 2010. The new chronology of the Ceprano calvarium (Italy). Journal of human evolution, 59(5), pp.580-585. 
  • Manzi, G., 2016. Humans of the Middle Pleistocene: The controversial calvarium from Ceprano (Italy) and its significance for the origin and variability of Homo heidelbergensis. Quaternary International, 411, pp.254-261. 
  • Mounier, A., Condemi, S. and Manzi, G., 2011. The stem species of our species: a place for the archaic human cranium from Ceprano, Italy. PloS one, 6(4), p.e18821. 
  • Muttoni, G., Scardia, G., Kent, D.V., Swisher, C.C. and Manzi, G., 2009. Pleistocene magnetochronology of early hominin sites at Ceprano and Fontana Ranuccio, Italy. Earth and Planetary Science Letters, 286(1), pp.255-268. 
  • Nomade, S., Muttoni, G., Guillou, H., Robin, E. and Scardia, G., 2011. First 40 Ar/39 Ar age of the Ceprano man (central Italy). Quaternary Geochronology, 6(5), pp.453-457. 
  • Segre, A. and Mallegni, F., 2012. On the environment and age of Homo cepranensis. Rivista di scienze preistoriche, 62(62), pp.5-7. 
I più interessati non solo all’Uomo di Ceprano ma in generale alla storia dell’evoluzione umana, potrebbero trovare utile “Ultime notizie sull’evoluzione umana” e “Il grande racconto dell’evoluzione umana” di Giorgio Manzi, entrambi editi da Il Mulino.

Sil



Commenti

Etichette

Fisica Silvia Soncin Pigmenti Metalli Conservazione Chimica Colore Diagnostica non invasiva Musei Tecniche non invasive UNESCO Analisi Diagnostiche Resti Umani Spettroscopia Datazione Film&Art Restauro Spettroscopia Raman Carta Ceramica Elettrochimica Film Imaging Lapidei Spettrometro di Massa Archeometria Arte Contemporanea Audiovisivi Bronzo Corrosione Degrado Dipinti ENEA Laser Libri Machine Learning Materiali Picasso Rame Sincrotrone Spettrometria di Massa Studi di provenienza libro Adorazione dei Magi Alessadra Virga Antropologia Archeoastronomia Artemisia Gentileschi Biodeterioramento Cervello Cinema Coloranti Dagherrotipia Data Science Diagnosta Egitto Ercolano Firenze Galleria degli Uffizi Gemme Gialli di cadmio Graphic Novel Inquinamento Atmosferico Leonardo da Vinci Luce Mass Spectrometry Memoria Michelangelo Microscopia Monitoraggio Museo NfDW Ottica Papiri Pellicole Piombo Pittura Prodotti innovativi Proteine Restauro digitale Roma SERS Strumenti musicali Tecnologie Termoluminescenza Van Gogh Vesuvio Voltammetria di Microparticelle ZooMS arte calce cancro del bronzo inchiostri isotopi stabili leganti radiocarbonio raggi-X ANEDbc ANOVA ATR Ablation Actinobatteri Adriana Iuliano Affresco Alabastro Alberto Angela Alimenti Ambiente Analisi degli Isotopi Stabili Analysis of variance Anton Cechov Antonio Stradivari Archeologia Giudiziaria Archeologia Invisibile Archeologia subacquea Archeology Archeomafie Argento Arsenico Arte Povera Arte moderna Artista Assorbimento Atacama Attribuzione Autobiografia Azzurrite Benzotriazolo Bible Bioprodotto Biopulitura Birra Blu Bolzano Book CSGI Calchi Cantiere Cappella Scrovegni Casa del Bicentenario Ceprano Christie's Ciclo pittorico Cile Cina Cinquecento Cleaning Codice dei beni culturali Conservazione Preventiva Costantino D'Orazio Crimini contro il Patrimonio Culturale Cromatografia DESY DNA Datazione U-Th Datazione al radiocarbonio Declorazione Diamanti Dimorfismo Sessuale ESRF Edmond de Belamy Elementi in traccia Emanuele Imbucci Enrico Lo Verso Esposizione Eufronio FT-IR Falsificazione Ferro Fotocatalizzatori Fotoemissione Fotografia Fotoluminescenza Francesca Gherardi Gesso Goujian Gran Sasso Heinrich Schliemann Howard Carter INFN IRMS Idrogel Nanostrutturato Illuminazione Imaging XRF Inibitori Biologici Insetti Internet of Things Intervista Io sono fuoco Italia Ivano Marescotti John Ruskin KHA LIF Laboratorio Laboratorio Arvedi di Diagnostica Non-Invasiva Lapislazzuli Laser Scanner Lazurite MIUR Macchina di Antikythera Margaret Keane Marina Abramovic Materiali cartacei Materiali di origine animale Matisse Maya Blu Medioevo MiBACT Michelangelo Buonarroti Michelangelo infinito Microclima Mikhail Bulgakov Modigliani Monetazione Romana Muoni Murex Brandaris Musei Vaticani Museo Archeologico dell'Alto Adige Museo Egizio Nanocellulosa Nanomateriali Nasiergel Neandertal Nopalgel Northumbria University Notre Dame de Paris Obvious Occhio Opificio delle Pietre Dure Ossidiane Ottica Non Lineare PIXE Palmira Papiri carbonizzati Parchment Percezione Performance Perkin Peste Petrografia Philippe Daverio Pompei Porcellana Porpora Porpora di Tiro Potere Risolutivo Progetto Grande Rilevanza Italia - Messico RGB Rafael Parra Reggia Repliche Research Riflessione Rinascimento Risoluzione Sacra Sindone Sali solubili Scientia ad Artem3 Seconda Armonica Sheele Sindone Sistina Smeraldo Sofia Podestà Spettroscopia di Impedenza Elettrochimica Stonehenge Storia del Restauro Storie di Sant'Orsola Street art Strontium isotopes Strumenti ad arco TEM TLS Tecnica EVA Teleri Teoria del Restauro Terahertz The cleaner Titanio Tiziana Pasciuto. Tomografia Computerizzata (CT) Tomografia a Raggi X a Contrasto di Fase Turismo Tutankhamon Valentina Risdonne Venaria Reale Venezia Verde Vetro Victoria and Albert Museum Violini Viollet-le-Duc Visione Vittore Carpaccio William Turner Workshop XPS XRF Zooarchaeology acceleratori adesivi affreschi algoritmo art bagnabilità cera ciclotrone cloro code colla collanti colorante colorante di sintesi cultural heritage dieta dipinti ad olio escher idrogel illusioni ottiche marine reservoir effect mauveina mosaico mostra nastri adesivi natura del materiale nerofumo oli siccativi origine animale origine vegetale particelle processo fotossidativo proteomica protoni pulitura registri mortuari Milano rimozione sintetici solubilità statistica storia del papiro supporto scrittorio tecnica pittorica tempere tempere polisaccaridiche tempere proteiche tempo di presa triangolo di Teas viscosità Ötzi
Mostra di più