Visualizzazioni totali

Iwen: il culto del colore per gli Antichi Egizi

Dipinto raffigurante il dio Osiride (al centro) e le dee Iside e Nephtis (a destra). L'immagine mette ben in evidenza le differenze di incarnato dei soggetti rappresentati: Iside e Nephtis hanno la pelle color oro, che simboleggia la loro immortalità, mentre Osiride mostra le mani e il volto colorati di verde, a testimonianza della sua risurrezione.

Per gli antichi Egizi il colore, individuato con il termine iwen, era considerato come un elemento fortemente simbolico, tanto da essere comunicativo e pregno di
significato quanto l’immagine stessa. 
In Egitto vi era abbondanza di luoghi da cui estrarre i pigmenti: nel Sinai si trovavano le miniere di rame, le ocre erano invece diffuse in tutta la regione, mentre i sali di sodio utilizzati per sintetizzare il blu egiziano erano presenti in abbondanza nell’oasi di Wadi Natrun. 

La tavolozza degli Egizi era costituita principalmente da sei colori, quali il bianco, il rosso, il giallo, il blu, il verde e il nero. Miscelando vari pigmenti, si potevano ottenere nuove tonalità, come il rosa ed il viola. Ognuno dei colori principali aveva il suo termine di riferimento e un chiaro significato simbolico

Il bianco (hedj o khdj) indicava principalmente i concetti di luce, purezza e di sacralità: difatti, sono raffigurati in bianco alcuni degli oggetti che venivano adoperati durante le cerimonie religiose, quali i sandali e le vesti dei sacerdoti. I pigmenti bianchi più utilizzati erano il gesso e il calcare, dato che il territorio Egizio ne fornisce in abbondanza. Tuttavia, gli Egizi adoperavano anche la biacca e più raramente l’huntite

Il rosso (deshr) aveva per gli Egizi un’accezione ambivalente. Da un lato rappresentava la vittoria e la vita. Durante le celebrazioni, gli Egizi erano soliti tingersi il corpo di rosso e indossare amuleti in corniola, pietra preziosa dal caratteristico colore rosso scuro. Inoltre, era il colore che per antonomasia simboleggiava il dio Rha, il dio del sole infuocato. D’altro canto, poteva indicare il male o il pericolo, in quanto è il colore del fuoco, che può avere un esito distruttivo sulle abitazioni e sulle messi. Sui papiri, i pigmenti rossi venivano utilizzati per indicare i giorni infausti o i nomi di persone o dei pericolosi o nefasti. Nell’iconografia, il malvagio dio Seth, assassino del fratello Osiride, veniva spesso raffigurato con gli occhi e i capelli rossi. Il pigmento rosso maggiormente adoperato era l’ocra rossa; venivano poi utilizzati anche il cinabro, il minio, il realgar e la robbia

Il giallo (khenet – termine strettamente riferito al giallo ocra) simboleggiava il concetto di indistruttibilità e di eternità. Non a caso, è il colore del sole e dell’oro e gli Egizi erano soliti dipingere con l’oro la pelle degli dei. Nelle raffigurazioni delle tombe egizie, spesso anche il faraone è dipinto in questa tonalità, a testimoniare che anch’egli dopo la morte è diventato il nuovo Osiride, e quindi un nuovo dio. Il pigmento giallo maggiormente adoperato era l’ocra gialla, data la grande disponibilità su tutto il territorio. Inoltre venivano utilizzati l’orpimento, talvolta la jarosite e l’oro, applicato in sottilissime foglie. 

Il blu (irtiu o sbedju) simboleggiava il cielo e specialmente l’acqua: più in generale si tendeva ad associarlo al Nilo e alla fecondità derivata dalle sue esondazioni. Inoltre, simboleggiava la vita e la rinascita: non a caso, il dio Amon viene rappresentato con la pelle e il volto blu, dato che per la religione egizia egli era considerato il creatore di tutte le cose, il responsabile del tempo e gli eventi atmosferici. Anche il dio Thot, caratterizzato dal volto di un airone, viene spesso dipinto in blu e, nell’iconografia, tutti gli aironi vengono dipinti nella stessa tonalità. I pigmenti blu maggiormente diffusi erano il lapislazzuli, l’azzurrite, lo smalto e la turchese. Il più noto tuttavia è il blu egiziano, ovvero il primo pigmento di sintesi realizzato nella storia, prodotto utilizzando cuprorivaite, vetro e quarzo

Il verde (wadhj) rappresentava il colore della crescita e della vita, oltre che della risurrezione. A testimonianza di ciò, il dio Osiride veniva spesso raffigurato con la pelle di colore verde, visto che egli fu prima ucciso dal fratello Seth e poi ritornò in vita grazie alla moglie Iside. È inoltre il colore di altre divinità, come Hator e Wadjet. I pigmenti verdi maggiormente adoperati erano la malachite, il verdigris e il verde egizio, realizzato sinteticamente come il blu egizio. Il verde inoltre veniva ottenuto miscelando il blu egizio con l’orpimento o l’ocra gialla. 

Il nero (km) simboleggiava l’Egitto stesso, in quanto ricordava il colore del limo del Nilo: infatti, per indicare la regione, spesso si utilizzava il termine Kemet, ovvero terra nera. Era inoltre collegato ai concetti di rigenerazione e fertilità, ma anche alla notte e al mondo dell’Oltretomba: per questo motivo le divinità connesse a questa accezione venivano dipinte con il nero, come ad esempio il dio sciacallo Anubi, spesso anche chiamato kmj, “il nero”. I pigmenti utilizzati per la realizzazione del nero sono fondamentalmente il nerofumo e il nero di legna, anche se potrebbero essere stati adoperati, anche se in misura minore, il nero d’avorio e la pirolusite, oltre al bitume e alla galena.

Se questo articolo ha attirato la vostra attenzione e approfondire l’argomento, vi riporto in bibliografia alcuni testi utili!

A presto,

- Lia Luzzato, Renata Pompas, Il significato dei colori nelle civiltà antiche, Roma, Bompiani, 2001:
- Elisabeth West Fitzhugh, Artists’ Pigments: A Handbook of Their History and Characteristics (Vol. 3), Washington, National Gallery of Art and New York, Oxford University Press, 1997:
- W. V. Davies, Colour & Painting in Ancient Egypt, London, British Museum Press, 2001:

Commenti

  1. Sono giunto qui per caso, guidato da una domanda alla quale è stata data risposta da Tiziana Pasciuto.

    Grazie.

    RispondiElimina

Posta un commento

Etichette

Emanuele Dell'Aglio Pigmenti Silvia Soncin Metalli Chimica Conservazione Colore Restauro Film&Art Analisi Diagnostiche Diagnostica non invasiva Musei Tecniche non invasive UNESCO Resti Umani Spettroscopia Carta Datazione Elettrochimica Imaging Spettroscopia Raman Ceramica Degrado Film Lapidei Spettrometro di Massa Studi di provenienza Alessadra Virga Archeometria Arte Contemporanea Audiovisivi Bronzo Corrosione Dipinti ENEA Gemme Laser Libri Machine Learning Materiali Materiali di origine animale NfDW Papiri Picasso Rame Sincrotrone Spettrometria di Massa Voltammetria di Microparticelle arte libro Adorazione dei Magi Antropologia Archeoastronomia Artemisia Gentileschi Biodeterioramento Cervello Cinema Coloranti Costantino D'Orazio Dagherrotipia Data Science Diagnosta Egitto Ercolano Firenze Galleria degli Uffizi Gialli di cadmio Graphic Novel Inquinamento Atmosferico Leonardo da Vinci Luce Mass Spectrometry Materiali cartacei Memoria Michelangelo Microscopia Monitoraggio Museo Nanomateriali News from Diagnostic World Ottica Papiri carbonizzati Parchment Pellicole Piombo Pittura Prodotti innovativi Proteine Restauro digitale Roma SERS Storia del Restauro Strumenti musicali Tecnologie Termoluminescenza Van Gogh Vesuvio Vetro ZooMS calce cancro del bronzo dipinti ad olio inchiostri isotopi stabili leganti pulitura radiocarbonio raggi-X supporto scrittorio ANEDbc ANOVA ATR Ablation Actinobatteri Adriana Iuliano Affresco Alabastro Alberto Angela Alimenti Ambiente Amedeo Modigliani Analisi degli Isotopi Stabili Analysis of variance Anton Cechov Antonio Stradivari Archeologia Giudiziaria Archeologia Invisibile Archeologia subacquea Archeology Archeomafie Argento Arsenico Arte Povera Arte moderna Artista Assorbimento Atacama Attribuzione Autobiografia Avorio Azzurrite Benzotriazolo Bible Bioprodotto Biopulitura Birra Blu Bolzano Book CSGI Calchi Cammeo Cantiere Cappella Scrovegni Caravaggio segreto Casa del Bicentenario Ceprano Christie's Ciclo pittorico Cile Cina Cinquecento Cleaning Codice dei beni culturali Conservazione Preventiva Coronavirus Crimini contro il Patrimonio Culturale Cromatografia DESY DNA Datazione U-Th Datazione al radiocarbonio Declorazione Diamanti Diffrattometria Neutronica Dimorfismo Sessuale Donatello ESRF Edmond de Belamy Elementi in traccia Emanuele Imbucci Enrico Lo Verso Esposizione Eufronio FT-IR Falsificazione Fenici Ferro Fotocatalizzatori Fotoemissione Fotografia Fotoluminescenza Francesca Gherardi Frida Kahlo Fruizione Gaia Servadio Gesso Goujian Gran Sasso Heinrich Schliemann Howard Carter INFN IRMS Idrogel Nanostrutturato Illuminazione Imaging XRF Inibitori Biologici Insetti Internet of Things Intervista Io sono fuoco Italia Ivano Marescotti John Ruskin KHA LIF Laboratorio Laboratorio Arvedi di Diagnostica Non-Invasiva Lapislazzuli Laser Scanner Lazurite Legno Leonardo MIUR Macchina di Antikythera Margaret Keane Marina Abramovic Matisse Maya Blu Medioevo MiBACT Michelangelo Buonarroti Michelangelo infinito Microclima Microstruttura Mikhail Bulgakov Modelli tridimensionali Modigliani Modì Monetazione Romana Mozia Muoni Murex Brandaris Musei Vaticani Musei virtuali Museo Archeologico dell'Alto Adige Museo Egizio Nanocellulosa Nasiergel Neandertal Nopalgel Northumbria University Notre Dame de Paris Obvious Occhio Opificio delle Pietre Dure Ossidiane Ottica Non Lineare PIXE Padova Palmira Percezione Performance Pergamena Perkin Peste Petrografia Philippe Daverio Physically Based Renderer Pompei Porcellana Porpora Porpora di Tiro Potere Risolutivo Progetto Grande Rilevanza Italia - Messico RGB Rafael Parra Reggia Rendering Repliche Research Riflessione Rinascimento Risoluzione Sacra Sindone Sali solubili Salvator Mundi Scientia ad Artem3 Seconda Armonica Sheele Sindone Sistina Smeraldo Sofia Podestà Spettroscopia di Impedenza Elettrochimica Stonehenge Storie di Sant'Orsola Street art Strontium isotopes Strumenti ad arco TEM TLS Tecnica EVA Teleri Teoria del Restauro Terahertz The cleaner Titanio Tiziana Pasciuto. Tomografia Computerizzata (CT) Tomografia a Raggi X a Contrasto di Fase Turismo Tutankhamon Urina VIMP VMP Valentina Risdonne Venaria Reale Venezia Verde Vermeer Victoria and Albert Museum Vino Violini Viollet-le-Duc Visione Vittore Carpaccio William Turner Workshop XPS XRF Zooarchaeology acceleratori adesivi affreschi algoritmo ametista art bagnabilità biologia cera ciclotrone cinabro cloro code colla collanti colorante colorante di sintesi cultural heritage dieta escher giallo indiano i colori dell'anima idrogel il gesto dell'arte illusioni ottiche marine reservoir effect mauveina minerali mosaico mostra nastri adesivi natura del materiale nerofumo oli siccativi origine animale origine vegetale particelle pelle pietre preziose processo fotossidativo proteomica protoni registri mortuari Milano rimozione rosso sintetici solubilità statistica storia del papiro tecnica pittorica tempere tempere polisaccaridiche tempere proteiche tempo di presa tessuti vegetali tintura triangolo di Teas viola viscosità Ötzi
Mostra di più