Visualizzazioni totali

Cinquanta sfumature di…Blu: il Lapislazzuli


» “La mia pittura morta difendi orma', Giovanni, e 'l mio onore, non sendo in loco bon, né io pittore.” 
Michelangelo Buonarroti, Sonetto 5

Spettro Raman della Lazurite,
Credits: Ruff.info
Nella frase conclusiva del Sonetto 5, Michelangelo chiede di difendere la sua pittura, riferendosi alla Cappella Sistina, non sentendosi degno di essere chiamato pittore. Un passo la cui autenticità per alcuni è dubbia ma che sicuramente può aiutare a riflettere sulla grandezza del
genio di Michelangelo.
Parlando del grande artista fiorentino non si può non pensare, infatti, all’incredibile bellezza della Cappella Sistina con il suo Giudizio Universale. La storia dell’esecuzione di tale grandiosa opera d’arte, di fatto unica nel suo genere, è di indiscusso interesse e vi invito a consultare i libri di storia dell’arte che hanno trattato l’argomento (vedi bibliografia). Tra le vicende peculiari che hanno interessato la realizzazione dell’affresco vi è, senza dubbio, quella riguardante l’uso del lapislazzuli.
Se esistesse una gerarchia reale tra i colori, il lapislazzuli sarebbe il Re dei Blu: era così costoso da essere spesso falsificato oppure usato in quantità talmente minime da doverlo mescolare con altri pigmenti. La causa dell’elevato costo, ieri come oggi, non era solo relazionato alla sua immensa bellezza, un blu intenso difficilmente riproducibile da altri minerali, ma anche alla difficoltà di reperire la materia prima, la quale seguiva una ben precisa rotta commerciale: la via del lapislazzuli.
Ma da cosa si ottiene questo colore così desiderato da Michelangelo da far sborsare a Papa Paolo III fior di quattrini?
Il lapislazzuli è il nome comune del minerale Lazurite (dal persiano “lazhward”, blu) il quale si trova spesso in associazione con altri minerali (come pirite, flogopite, calcite, pirosseno e vari silicati) e che, di conseguenza, ha una complessa formula chimica che si può sintetizzare come: (Na,Ca)8[Al6 Si6 O24](Sn -, S2- , SO4 2- , Cl- )1-2. La Lazurite si può trovare facilmente associata con il minerale Hauyna, il quale ha praticamente la stessa formula chimica e si differenzia solo per la presenza dominante di solfati. Non è difficile immaginare che l’ambiente di formazione di tali minerali sia estremamente complesso, vista l’incredibile ricchezza della loro formula chimica: il calcare subisce un processo metamorfico-metasomatico per il passaggio di fluidi vulcanici e, dunque, il metamorfismo di contatto avviene per via di un contatto tra magma e calcare.
La Lazurite in opera è facilmente riconoscibile dalla ricchezza del suo colore: tuttavia, fra le tecniche scientifiche volte al suo riconoscimento sono adoperate la diffrattometria su polveri (XRD), la microscopia ottica, la microscopia elettronica a scansione (SEM), la microsonda e la spettroscopia Raman (Cos’è la Raman? Clicca qui per maggiori informazioni).
In antichità, probabilmente, le uniche fonti di approvvigionamento della materia prima erano le cave del Palmir e quella Afgana di Sar-e-Sang. Da quest’ultima partiva la sopra citata “Via del lapislazzuli”. Tuttavia, tale cava era difficilmente raggiungibile e il lavoro di estrazione lungo e difficile: ecco uno dei principali motivi dell’elevato costo del pigmento. In un articolo del 2006, Ballirano e Maras (Sapienza, Università di Roma) hanno lavorato su frammenti del Lapislazzuli della Sistina per giungere ad una ipotesi di provenienza (riferimento in bibliografia).
La lazurite, prima di poter diventare il pigmento che tutti conosciamo, doveva essere finemente lavorata per eliminare tutte le impurezze, in particolare quelle relative alla pirite: ecco un altro motivo che faceva lievitare il costo del pigmento. Bisogna dire, però, che una volta utilizzato, esso risultava essere incredibilmente stabile nel tempo. Ciò è dovuto alla complessa mineralogia della Lazurite, facente parte della classe dei silicati (sottoclasse tettosilicati, gruppo dei feldspatoidi) che lo rende resistente agli attacchi chimici più aggressivi.
Nel caso del Giudizio di Michelangelo, inoltre, la tecnica ad affresco ne ha persino valorizzato il colore e la lucentezza, cosa che nelle tecniche ad olio o a tempera non sempre accade. La questione sulla pulitura di quest’opera d’arte meriterebbe un post a parte, ma posso limitarmi a dire che tutto ciò che vi era depositato sulla superficie (sporco dovuto al passare del tempo, alle candele, al riscaldamento, ai visitatori e varie interazioni della superficie con l’ambiente circostante) non ha praticamente alterato il colore del Blu Oltremarino, se non in alcuni punti ristretti in cui si è individuata la possibile “Malattia d’Oltremare”. Tale alterazione, però, risulta ancora in parte inspiegata: non si sa se sia dovuta ad una pulitura antica con liscivia o se in quelle zone dell’affresco non fosse neanche presente il lapislazzuli.

Oggi il lapislazzuli è considerato una pietra ornamentale, un gioiello che mantiene ancora prezzi elevatissimi. La scienza, naturalmente, è riuscita a sintetizzare l’Oltremare artificiale, il quale conserva le caratteristiche ottiche del lapislazzuli originale, abbattendone, in parte, i costi. Forse, anche se disponiamo di mezzi di approvvigionamento ben più semplici di quelli di cui si disponeva ai tempi di Michelangelo, difficilmente saremmo in grado di riprodurre quella intensità espressiva che l’artista ha consegnato alla storia dando l’ultima pennellata al Giudizio nel 1541.

Francesca


Commenti

Etichette

Fisica Silvia Soncin Pigmenti Metalli Conservazione Chimica Colore Diagnostica non invasiva Musei Tecniche non invasive UNESCO Analisi Diagnostiche Resti Umani Spettroscopia Datazione Film&Art Restauro Spettroscopia Raman Carta Ceramica Elettrochimica Film Imaging Lapidei Spettrometro di Massa Archeometria Arte Contemporanea Audiovisivi Bronzo Corrosione Degrado Dipinti ENEA Laser Libri Machine Learning Materiali Picasso Rame Sincrotrone Spettrometria di Massa Studi di provenienza libro Adorazione dei Magi Alessadra Virga Antropologia Archeoastronomia Artemisia Gentileschi Biodeterioramento Cervello Cinema Coloranti Dagherrotipia Data Science Diagnosta Egitto Ercolano Firenze Galleria degli Uffizi Gemme Gialli di cadmio Graphic Novel Inquinamento Atmosferico Leonardo da Vinci Luce Mass Spectrometry Memoria Michelangelo Microscopia Monitoraggio Museo NfDW Ottica Papiri Pellicole Piombo Pittura Prodotti innovativi Proteine Restauro digitale Roma SERS Strumenti musicali Tecnologie Termoluminescenza Van Gogh Vesuvio Voltammetria di Microparticelle ZooMS arte calce cancro del bronzo inchiostri isotopi stabili leganti radiocarbonio raggi-X ANEDbc ANOVA ATR Ablation Actinobatteri Adriana Iuliano Affresco Alabastro Alberto Angela Alimenti Ambiente Analisi degli Isotopi Stabili Analysis of variance Anton Cechov Antonio Stradivari Archeologia Giudiziaria Archeologia Invisibile Archeologia subacquea Archeology Archeomafie Argento Arsenico Arte Povera Arte moderna Artista Assorbimento Atacama Attribuzione Autobiografia Azzurrite Benzotriazolo Bible Bioprodotto Biopulitura Birra Blu Bolzano Book CSGI Calchi Cantiere Cappella Scrovegni Casa del Bicentenario Ceprano Christie's Ciclo pittorico Cile Cina Cinquecento Cleaning Codice dei beni culturali Conservazione Preventiva Costantino D'Orazio Crimini contro il Patrimonio Culturale Cromatografia DESY DNA Datazione U-Th Datazione al radiocarbonio Declorazione Diamanti Dimorfismo Sessuale ESRF Edmond de Belamy Elementi in traccia Emanuele Imbucci Enrico Lo Verso Esposizione Eufronio FT-IR Falsificazione Ferro Fotocatalizzatori Fotoemissione Fotografia Fotoluminescenza Francesca Gherardi Gesso Goujian Gran Sasso Heinrich Schliemann Howard Carter INFN IRMS Idrogel Nanostrutturato Illuminazione Imaging XRF Inibitori Biologici Insetti Internet of Things Intervista Io sono fuoco Italia Ivano Marescotti John Ruskin KHA LIF Laboratorio Laboratorio Arvedi di Diagnostica Non-Invasiva Lapislazzuli Laser Scanner Lazurite MIUR Macchina di Antikythera Margaret Keane Marina Abramovic Materiali cartacei Materiali di origine animale Matisse Maya Blu Medioevo MiBACT Michelangelo Buonarroti Michelangelo infinito Microclima Mikhail Bulgakov Modigliani Monetazione Romana Muoni Murex Brandaris Musei Vaticani Museo Archeologico dell'Alto Adige Museo Egizio Nanocellulosa Nanomateriali Nasiergel Neandertal Nopalgel Northumbria University Notre Dame de Paris Obvious Occhio Opificio delle Pietre Dure Ossidiane Ottica Non Lineare PIXE Palmira Papiri carbonizzati Parchment Percezione Performance Perkin Peste Petrografia Philippe Daverio Pompei Porcellana Porpora Porpora di Tiro Potere Risolutivo Progetto Grande Rilevanza Italia - Messico RGB Rafael Parra Reggia Repliche Research Riflessione Rinascimento Risoluzione Sacra Sindone Sali solubili Scientia ad Artem3 Seconda Armonica Sheele Sindone Sistina Smeraldo Sofia Podestà Spettroscopia di Impedenza Elettrochimica Stonehenge Storia del Restauro Storie di Sant'Orsola Street art Strontium isotopes Strumenti ad arco TEM TLS Tecnica EVA Teleri Teoria del Restauro Terahertz The cleaner Titanio Tiziana Pasciuto. Tomografia Computerizzata (CT) Tomografia a Raggi X a Contrasto di Fase Turismo Tutankhamon Valentina Risdonne Venaria Reale Venezia Verde Vetro Victoria and Albert Museum Violini Viollet-le-Duc Visione Vittore Carpaccio William Turner Workshop XPS XRF Zooarchaeology acceleratori adesivi affreschi algoritmo art bagnabilità cera ciclotrone cloro code colla collanti colorante colorante di sintesi cultural heritage dieta dipinti ad olio escher idrogel illusioni ottiche marine reservoir effect mauveina mosaico mostra nastri adesivi natura del materiale nerofumo oli siccativi origine animale origine vegetale particelle processo fotossidativo proteomica protoni pulitura registri mortuari Milano rimozione sintetici solubilità statistica storia del papiro supporto scrittorio tecnica pittorica tempere tempere polisaccaridiche tempere proteiche tempo di presa triangolo di Teas viscosità Ötzi
Mostra di più