Visualizzazioni totali

L’insostenibile leggerezza del Colore


» Per me i colori sono degli esseri viventi, degli individui molto evoluti che si integrano con noi e con tutto il mondo. I colori sono i veri abitanti dello spazio.(Yves Klein)


Uno dei primi argomenti affrontati da uno studente di Scienze applicate ai Beni Culturali è sicuramente il colore ed è con questo che daremo il via al Blog.
Sul colore si è scritto molto e filosofeggiato tanto, basti prendere Goethe come esempio (“La teoria dei Colori”). Entrando in una qualsiasi libreria è facile imbattersi in libri, antichi o contemporanei, che trattino dell’argomento…ma perché il colore desta così tanto interesse?
I motivi sono senz’altro vari e disparati ma, a parer mio, uno dei principali è quello relativo alla intrinseca difficoltà che risiede nel quantificare oggettivamente un colore; in poche parole,
il colore è una sensazione soggettiva, alla stregua del sentire caldo o freddo.
All’interno dei nostri occhi vi sono delle strutture particolari che permettono la visione del colore (per i dettagli rimandiamo a testi specialistici) ma la sua percezione risulta comunque molto personale. È possibile che se volete ritinteggiare casa e chiedete un bel “azzurro cielo”, vi dipingano le pareti di blu e voi non potrete far altro che constatare che anche quello è un “azzurro cielo”.
Per sopperire a questo problema, la scienza ha fatto affidamento alla colorimetria, ovvero a tutte quelle analisi che possono dire oggettivamente “quanto colore è un colore”. La maggior parte dei sistemi che risolvono questo annoso problema si basano sui tre colori primari additivi : rosso, verde e blu (RGB: red, green, blue). Persino quando disegnate con Paint, il vostro computer si basa su questo sistema. Successivamente, sono state standardizzate due metodologie per la definizione sistematica del colore: Munsell e CIE L*a*b.
Dunque, ad oggi è possibile dire con esattezza quale colore si è usato e quanto “rosso” è un rosso.
Nella pre-industrializzazione, i colori utilizzati erano limitati ad una cerchia più o meno grande di pigmenti e coloranti naturali o semi-naturali; con l’avvento della industria chimica (quando un certo giovane ricercatore di nome Perkins sbagliò a sintetizzare un farmaco antimalarico e creò il primo colorante sintetico, il malva, avviando una felice industria chimica…quando si dice, la ricerca!) i colori a disposizione sono diventati centinaia di migliaia. La crescita fu così esponenziale che divenne impossibile chiamarli con nomi tradizionali come “Rosso pompeiano”, “Rosso cinabro”, “Rosso ercolano” e così via: divenne necessaria persino una standardizzazione nella nomenclatura.
Conveniamo tutti quanto possa essere difficile distinguere ad occhio nudo un #FF7F50 rgb(255,127,80) e un #FF6347 rgb(255,99,71)? Sono entrambi arancioni, ma sicuramente due persone diverse lo percepiranno in modo differente e forse, per alcuni, non vi è neanche una vera e propria differenza tra le due tonalità.
Fonte: rapidtables.com

Il colore è qualcosa di così incredibilmente legato alla nostra psiche che le sue sfumature sono utilizzate anche per convincerci a comprare qualcosa, oppure essi possono influenzare il nostro stato d’animo, suscitando emozioni più o meno positive (e gli arredatori di interni ne sanno bene a riguardo).
Se oggi il colore è ancora così importante nell’arte, nell’architettura e, semplicemente nella vita di tutti i giorni, immaginiamo quanto potesse esserlo ai tempi di Michelangelo e Raffaello, per esempio. Proviamo a pensare ad un’opera d’arte senza colore: impossibile. O meglio, possibile ma non ci piacerebbe poi così tanto.
Non sono pochi i casi in cui il colore di un’opera si perda, sbiadisca, si alteri e le motivazioni sono molteplici e complesse (luogo di conservazione, esposizione, parametri igrotermici, solo per citarne alcuni).
In parole molto povere, noi percepiamo un colore perché ci arriva la radiazione non assorbita da parte del pigmento mentre la restante parte dello spettro luminoso è assorbita dalla particella. Una delle maggiori cause di degrado di pigmenti e coloranti è proprio la loro capacità di assorbire la luce, poiché si innescano reazioni fotochimiche dipendenti anche dal substrato su cui il pigmento si trova, oltre alle varie interazioni con l’ambiente circostante.
La luce, quindi, è gioia e dolore del nostro pigmento: senza di essa non potrebbe essere colorato ma, allo stesso tempo, è la causa del suo degrado.
Opere d’arte che hanno subito variazioni cromatiche sono moltissime e la conservazione del colore in quanto tale è un grande cruccio. Ci sono i girasoli di Van Gogh, il Crocifisso di Cimabue nella Basilica di San Francesco di Assisi o il Giudizio Universale di Michelangelo. Su quest’ultimo, fortunatamente, la variazione cromatica dei colori, in particolare del blu del cielo, non è stata irrimediabile, ma si discusse in modo molto vivace su quanto fosse giusto o no ravvivare i colori mediante pulitura e quanto oltre la pulitura stessa dovesse spingersi.
Concludendo, le sfumature di colore sono infinite – non solo cinquanta – e riuscire a determinarle con esattezza è una grande sfida. Tuttavia, è proprio ciò che rende questo argomento così affascinante: sappiamo con certezza che vediamo il colore a causa di un meccanismo scientifico ben determinato ma la sua percezione, la sua sfumatura, è soggetta all’interpretazione di ognuno di noi.

Francesca

…Qualcosa da leggere sul colore (ovvero, una bibliografia molto ridotta):

Philip Ball, Il Colore: Una Biografia
Rendiconti Accademia Nazionale delle Scienze detta dei XL, Memorie di Scienze Fisiche e Naturali 133° (2015), Vol. XXXIX, Parte II, Tomo I, pp. 147-160, La Diagnostica per la Conoscenza Storica e Artistica delle Opere d’Arte: il Ruolo delle Analisi sui Pigmenti nel Restauro degli Affreschi di Michelangelo nella Cappella Sistina, Francesca Di Turo, Franco Calascibetta, Giuliano Moretti, Gabriele Favero
Adriano Zecchina, Alchimie nell'arte
G. van der Snickt et al., Combined use of synchrotron radiation-based μ-XRF, μ-XRD, μ-XANES and μ-FTIR reveals to alternative degradation pathway of the pigment cadmium yellow (CdS) in a painting by Van Gogh, Analytical Chemistry 2012, DOI: 10.1021/ac3015627.


Commenti

Etichette

Fisica Silvia Soncin Metalli Pigmenti Conservazione Chimica Colore Analisi Diagnostiche Diagnostica non invasiva Musei Restauro Tecniche non invasive UNESCO Film&Art Resti Umani Spettroscopia Datazione Spettroscopia Raman Carta Ceramica Elettrochimica Film Imaging Lapidei Spettrometro di Massa Archeometria Arte Contemporanea Audiovisivi Bronzo Corrosione Degrado Dipinti ENEA Gemme Laser Libri Machine Learning Materiali Picasso Rame Sincrotrone Spettrometria di Massa Studi di provenienza libro Adorazione dei Magi Alessadra Virga Antropologia Archeoastronomia Artemisia Gentileschi Biodeterioramento Cervello Cinema Coloranti Dagherrotipia Data Science Diagnosta Egitto Ercolano Firenze Galleria degli Uffizi Gialli di cadmio Graphic Novel Inquinamento Atmosferico Leonardo da Vinci Luce Mass Spectrometry Materiali di origine animale Memoria Michelangelo Microscopia Monitoraggio Museo NfDW Ottica Papiri Parchment Pellicole Piombo Pittura Prodotti innovativi Proteine Restauro digitale Roma SERS Strumenti musicali Tecnologie Termoluminescenza Van Gogh Vesuvio Voltammetria di Microparticelle ZooMS arte calce cancro del bronzo dipinti ad olio inchiostri isotopi stabili leganti radiocarbonio raggi-X supporto scrittorio ANEDbc ANOVA ATR Ablation Actinobatteri Adriana Iuliano Affresco Alabastro Alberto Angela Alimenti Ambiente Amedeo Modigliani Analisi degli Isotopi Stabili Analysis of variance Anton Cechov Antonio Stradivari Archeologia Giudiziaria Archeologia Invisibile Archeologia subacquea Archeology Archeomafie Argento Arsenico Arte Povera Arte moderna Artista Assorbimento Atacama Attribuzione Autobiografia Avorio Azzurrite Benzotriazolo Bible Bioprodotto Biopulitura Birra Blu Bolzano Book CSGI Calchi Cantiere Cappella Scrovegni Casa del Bicentenario Ceprano Christie's Ciclo pittorico Cile Cina Cinquecento Cleaning Codice dei beni culturali Conservazione Preventiva Costantino D'Orazio Crimini contro il Patrimonio Culturale Cromatografia DESY DNA Datazione U-Th Datazione al radiocarbonio Declorazione Diamanti Diffrattometria Neutronica Dimorfismo Sessuale Donatello ESRF Edmond de Belamy Elementi in traccia Emanuele Imbucci Enrico Lo Verso Esposizione Eufronio FT-IR Falsificazione Ferro Fotocatalizzatori Fotoemissione Fotografia Fotoluminescenza Francesca Gherardi Gesso Goujian Gran Sasso Heinrich Schliemann Howard Carter INFN IRMS Idrogel Nanostrutturato Illuminazione Imaging XRF Inibitori Biologici Insetti Internet of Things Intervista Io sono fuoco Italia Ivano Marescotti John Ruskin KHA LIF Laboratorio Laboratorio Arvedi di Diagnostica Non-Invasiva Lapislazzuli Laser Scanner Lazurite MIUR Macchina di Antikythera Margaret Keane Marina Abramovic Materiali cartacei Matisse Maya Blu Medioevo MiBACT Michelangelo Buonarroti Michelangelo infinito Microclima Microstruttura Mikhail Bulgakov Modigliani Modì Monetazione Romana Muoni Murex Brandaris Musei Vaticani Museo Archeologico dell'Alto Adige Museo Egizio Nanocellulosa Nanomateriali Nasiergel Neandertal Nopalgel Northumbria University Notre Dame de Paris Obvious Occhio Opificio delle Pietre Dure Ossidiane Ottica Non Lineare PIXE Padova Palmira Papiri carbonizzati Percezione Performance Pergamena Perkin Peste Petrografia Philippe Daverio Pompei Porcellana Porpora Porpora di Tiro Potere Risolutivo Progetto Grande Rilevanza Italia - Messico RGB Rafael Parra Reggia Repliche Research Riflessione Rinascimento Risoluzione Sacra Sindone Sali solubili Scientia ad Artem3 Seconda Armonica Sheele Sindone Sistina Smeraldo Sofia Podestà Spettroscopia di Impedenza Elettrochimica Stonehenge Storia del Restauro Storie di Sant'Orsola Street art Strontium isotopes Strumenti ad arco TEM TLS Tecnica EVA Teleri Teoria del Restauro Terahertz The cleaner Titanio Tiziana Pasciuto. Tomografia Computerizzata (CT) Tomografia a Raggi X a Contrasto di Fase Turismo Tutankhamon Valentina Risdonne Venaria Reale Venezia Verde Vermeer Vetro Victoria and Albert Museum Violini Viollet-le-Duc Visione Vittore Carpaccio William Turner Workshop XPS XRF Zooarchaeology acceleratori adesivi affreschi algoritmo ametista art bagnabilità cera ciclotrone cloro code colla collanti colorante colorante di sintesi cultural heritage dieta escher i colori dell'anima idrogel illusioni ottiche marine reservoir effect mauveina mosaico mostra nastri adesivi natura del materiale nerofumo oli siccativi origine animale origine vegetale particelle pelle pietre preziose processo fotossidativo proteomica protoni pulitura registri mortuari Milano rimozione sintetici solubilità statistica storia del papiro tecnica pittorica tempere tempere polisaccaridiche tempere proteiche tempo di presa triangolo di Teas viola viscosità Ötzi
Mostra di più